21 marzo: a Palermo il corteo di Libera contro le mafie, nel ricordo di Augusta Schiera

Si è aperta nel ricordo la Augusta Schiera e del figlio Antonino Agostino, la marcia di Libera contro le mafie a Palermo in occasione della Giornata della memoria e dell’impegno, con le strade del capoluogo “invase” pacificamente da circa 10 mila persone tra cittadini, studenti e i familiari delle vittime di mafia.

A guidare idealmente il corteo quest’anno è Vincenzo Agostino, padre dell’agente di polizia ucciso con la moglie Ida Castelluccio nel 1989 e vedovo di Augusta Schiera (recentemente scomparsa e che fino alla fine si è battuta per ottenere giustizia e verità sulla morte del figlio). Vincenzo Agostino (che dalla morte del figlio porta una lunga barba bianca) ricorda così la moglie: “Augusta è morta senza avere verità e giustizia, ma non si può vivere sperando che la giustizia arrivi nell’aldilà. Oggi sono qui anche per lei”.

Presente anche Placido Rizzotto, nipote omonimo del sindacalista ucciso il 10 marzo 1948: “Loro li hanno uccisi ma noi non li facciamo morire, siamo qui per risvegliare le coscienze e ricordare che non ci sono vittime di serie A e Serie B”.

Tanti gli striscioni e i cartelli preparati ed esposti durante il corteo: “Le loro idee camminano sulle nostre gambe” e il grido “La mafia uccide, il silenzio pure”. La manifestazione, passando dai Quattro Canti, arriverà fino al teatro Massimo dove saranno letti circa mille nomi di vittime innocenti delle mafie, dai semplici cittadini a chi nello svolgere le proprie professioni o mestieri è morto facendo il proprio dovere.

Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha voluto ricordare oltre ad Augusta Schiera anche la figura di Rita Borsellino (scomparsa la scorsa estate): “Due personalità che ci hanno lasciato e non sono nell’elenco delle vittime di mafia ma che sono l’anima di questa manifestazione”. Il prefetto di Palermo, Antonella De Miro, invece sottolinea: “Ricordare le vittime di mafia è un segno di grande civiltà vuol dire rinnovare l’impegno per chi non ha avuto verità e giustizia. Questa manifestazione voglio dedicarla ad Augusta Schiera e questa giornata è il perfetto rinnovamento di una promessa, quella che da prefetto ho fatto giurando sulla Costituzione per combattere le mafie e l’illegalità che limitano lo sviluppo del Paese”.

FOTO DA TWITTER: libera contro le mafie

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI