23 maggio, Musumeci: “Ci vogliono ancora anni per poter sradicare la mafia”

Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, partecipa alla manifestazione per il trentennale della strage di Capaci e all’arrivo al Foro Italico di Palermo ha espresso le sue opinioni sulla lotta alla mafia.

“Ci vogliono ancora anni per poter sradicare la mafia. Per fortuna la strage di via d’Amelio, e prima quella di Capaci, hanno segnato una svolta perché hanno spiegato ai siciliani che combattere la mafia non è solo un problema dei magistrati o delle forze dell’ordine, ma un problema di ognuno di noi, ciascuno nel proprio campo. È da allora la Sicilia è cambiata, anche se naturalmente ancora non abbiamo vinto”, afferma.

Musumeci era seduto accanto al presidente dell’Assemblea siciliana, Gianfranco Miccichè. Tra le due alte cariche istituzionali della Regione siciliana i rapporti sono ai minimi termini. Da settimane sono ai ferri corti e i due non si sono risparmiati in reciproche dichiarazioni polemiche. Tutto è legato alla ricandidatura di Musumeci alla presidenza della Regione, sostenuta da FdI ma non dal pezzo di Forza Italia che fa riferimento al leader del partito Micciché.

Il Governatore afferma comunque che passi avanti sono stati fatti. “Trent’anni sono tanti e sono stati sufficienti a far cambiare una cultura radicata non soltanto in Sicilia: prima c’era la convinzione che la lotta alla mafia fosse solo un problema delle forze dell’ordine e della magistratura. Dopo la drammatica stagione delle stragi del 1992 si è capito che la lotta alla mafia impegna tutti, ogni cittadino, ciascuno nel proprio ruolo”.

“Oggi questa consapevolezza è cresciuta, anche se l’impegno antimafia molto spesso rimane accompagnato da ipocrisia e da retorica. Io credo che l’antimafia vada predicata e praticata giorno dopo giorno nel silenzio del dovere, evitando speculazioni, per rendere omaggio al sacrificio che tante donne e tanti uomini hanno saputo e voluto compiere per fare migliore questa Sicilia e questa Italia”, conclude. 

PALERMO, IL 23 MAGGIO DEI CANDIDATI SINDACO: LAGALLA SCEGLIE DI NON ANDARE

ANNIVERSARIO DELLA STRAGE DI CAPACI, ECCO COME CAMBIA LA VIABILITÀ A PALERMO

23 MAGGIO, 30 ANNI DOPO: PALERMO NON DIMENTICA FALCONE E LE ALTRE VITTIME DI MAFIA

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI