A Pozzallo una nave carica di grano dal Canada, Bandiera: “In corso i controlli”

“Sono in corso i controlli su 19.162,6 tonnellate di grano duro alla rinfusa a bordo della nave Ocean Castle, attraccata al porto di Pozzallo, proveniente dal Canada e battente bandiera maltese”.

A renderlo noto l’Assessore regionale per l’Agricoltura Edy Bandiera.

Si tratta di un’ azione congiunta operata dagli ispettori del Servizio Fitosanitario dell’ Assessorato Agricoltura, unitamente alla Sanità Marittima, Corpo Forestale, Ispettorato centrale Repressione frodi e Carabinieri al fine di garantire la sicurezza e salubrità del prodotto in entrata nonché di tutelare i consumatori relativamente a tracciabilità del prodotto, rischio frodi e sicurezza fitosanitaria.

“Una volta effettuate le puntuali verifiche documentali e visive, si procederà con i campionamenti per le successive analisi di laboratorio che verranno eseguite presso i laboratori del servizio fitosanitario regionale e dell’ Istituto zooprofilattico sperimentale della Sicilia, ente pubblico accreditato presso il Ministero della Sanità, al fine di verificare la presenza di parassiti non visibili a occhio nudo, micotossine o altri residui chimici”, ha aggiunto l’assessore, sottolineando che “il grano, destinato a 7 mulini siciliani, qualora dovesse superare il vaglio dei controlli congiunti, precisa Bandiera, verrà scaricato, ma resterà sigillato nei silos fino al risultato delle analisi”.

LA RICHIESTA DEL M5S – “Opportune verifiche e controlli minuziosi sul carico di grano in arrivo a Pozzallo dal Canada”. Li chiedono i deputati del M5S, componenti della commissione Agricoltura della Camera, Antonio Lombardo e Dedalo Pignatone, che per questo hanno scritto alle competenti autorità sanitare e doganali.

“Ci sono arrivate – hanno affermato i due deputati – innumerevoli segnalazioni in questo senso. La nave trasporterebbe 19 mila tonnellate di grano proveniente dal Canada, presumibilmente trattato con glifosato, destinato alle aziende siciliane. Chiediamo pertanto rigidi controlli per accertare  la presenza di eventuali agenti tossici e/o patogeni, valutando al contempo le condizioni di trasporto. Invitiamo inoltre  a controllare la regolarità della documentazione amministrativa relativa alle importazioni di tale carico. Vogliamo anche conoscere quali siano le aziende siciliane destinatarie del carico e quale sia la quantità del grano canadese acquistata da ciascuna azienda”.

“Stamattina  – ha aggiunto Lombardo – ho chiamato l’Agenzia delle Dogane competente. Probabilmente in giornata verranno eseguiti i controlli da parte degli organi preposti. La garanzia dei prodotti sulle nostre tavole va garantita ad ogni costo”.

Categorie
economia
Facebook

CORRELATI