A19 Palermo-Catania, il Codacons presenta un esposto contro l’Anas in tre Procure

Il Codacons ha presentato in un esposto alle Procure di Catania, Caltanissetta e Palermo sulla situazione delle autostrade siciliane in cui fra l’altro si ipotizzano nei confronti dell’Anas i reati di rifiuto di atti d’ufficio e attentato alla sicurezza dei trasporti.

Nella denuncia si segnala “la mancata manutenzione dell’autostrada Catania-Palermo che ha determinato, da ultimo, il caos ed i gravi disagi per l’uscita obbligatoria al bivio Resuttano, con incidenti a camion causati dalla precarietà del percorso alternativo che ha provocato il blocco di 60 tra tir, camion, autobus lungo la SP19″.

Secondo il Codacons “l’Anas, quale concessionario per la gestione e manutenzione dell’A19, non ha rispettato l’obbligo di attuare il progressivo miglioramento e adeguamento dell’autostrada”. L’associazione di consumatori chiede anche alla magistratura di “accertare se è stata messa in pericolo la pubblica incolumità in ragione del venire meno delle condizioni di sicurezza relative alla circolazione dei veicoli sul tratto autostradale in questione”. Inoltre, annuncia Sardella, “abbiamo istituito un ‘Comitato utenti vittime autostrade siciliane’ per avviare azioni legali e procedimenti risarcitori in favore degli utenti delle autostrade siciliane”.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI