Abusi sessuali su minori: scattano gli arresti domiciliari per il prete di Piazza Armerina

A distanza di mesi dalla denuncia di presunti abusi subiti da un giovane, la squadra mobile di Enna ha arrestato il sacerdote di Piazza Armerina Giuseppe Rugolo, accusato di violenza sessuale e atti con minori (che avrebbe commesso sia da seminarista che dopo l’ordinazione).

Per il sacerdote sono scattati gli arresti domiciliari, così come disposto dal gip che ha accolto la richiesta del procuratore Massimo Palmeri e dei sostituti Stefania Leonte e Orazio Longo.

Le indagini (con l’ausilio di intercettazioni, perquisizioni e ascoltando varie persone informate sui fatti) avrebbero individuato altri due presunti casi di abusi. La Procura contesta al prete anche l’aggravante dell’aver approfittato delle possibili vittime (a lui affidate per ragioni di istruzione ed educazione alla religione cattolica).

Il vescovo di Piazza Armerina, Rosario Gisana, ha commentato: “Le accuse contestategli, se accertate, sono certamente un fatto grave sia sotto l’aspetto penale che morale”.

COVID, SICILIA IN AFFANNO: PENULTIMA PER VACCINI SOMMINISTRATI

NUOVA IMPENNATA DI CONTAGI A PALERMO E PROVINCIA

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 26 APRILE 2021

IL BOLLETTINO NAZIONALE DEL 26 APRILE 2021

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI