Acireale, lesione cervicale per il carabiniere ferito durante una lite: rischia danni permanenti

Non è più in pericolo di vita ma rischia danni permanenti il brigadiere dei Carabinieri, di 43 anni, ferito al collo con un colpo di pistola durante una lite sul sagrato di una chiesa a Santa Maria degli Ammalati, frazione di Acireale, nel Catanese.

Il carabiniere si trova ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Cannizzaro di Catania, dove è stato sottoposto ad intervento chirurgico a causa di una grave lesione alla sesta vertebra cervicale (lesione vertebro-midollare da scoppio). I medici non hanno sciolto la prognosi riservata (si temono danni permanenti) ma – come riferito dai medici – è in condizioni stazionarie non sarebbe più in pericolo di vita.

Il sottufficiale, fuori dal servizio, è intervenuto per sedare la lite tra due delle famiglie presenti per la cerimonia della prima comunione. Uno dei litiganti ha estratto una pistola e ha esploso un colpo centrando il brigadiere.

L’uomo che lo ha ferito, un 69enne, è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio e porto illegale di arma da fuoco. Ad arrestarlo, su provvedimento della Procura di Catania, sono stati Carabinieri dell’aliquota Radiomobile della compagnia di Acireale, gli stessi militari che erano intervenuti per una rissa in corso che coinvolgeva una decina di persone.

PALERMO, ARRESTATO UN COMMERCIALISTA DI 55 ANNI

PACCO FATTO BRILLARE NEL CATANESE E MINACCE A MUSUMECI

ALCAMO, IN QUARANTENA MA VANNO A UN MATRIMONIO

 

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI