aeroporto-palermo

Aeroporto di Palermo, il sindaco Orlando non ha dubbi: “È pubblico e resterà pubblico”

Dopo il sì alla privatizzazione dell’aeroporto di Catania da parte dell’assemblea dei soci SAC – la società che gestisce lo scalo – il tema è naturalmente rimbalzato a Palermo. E, a proposito di ciò, il sindaco Leoluca Orlando ha ribadito che l’aeroporto “è pubblico e resta pubblico”.

“Fino a quando sarà sindaco non intendo parlare con nessuno di privatizzazione dell’aeroporto – ha affermato il primo cittadino a margine di una conferenza stampa indetta da Gesap, la società che gestisce lo scalo, per presentare i risultati della gestione 2018 e le nuove rotte -. Dopo il 2022, se qualcuno avrà il coraggio di svendere un aeroporto che funziona, lo potrà fare”.

Orlando ha criticato anche la norma del Collegato alla Finanziaria regionale, in discussione all’Ars, che prevede l’obbligo di cessione ai privati delle quote pubbliche degli aeroporti attualmente in mano agli enti locali: “Mi sembra inaccettabile pensare di modificare il codice civile e il codice commerciale con una legge regionale. Qualcuno pensa di potere costringere la cittò di Palermo a svendere l’aeroporto. Quattro anni fa abbiamo bloccato questa operazione e abbiamo fatto bene perché avremmo svenduto lo scalo e invece vogliamo che cresca e si sviluppi. Non ci vedo chiaro in questa insistenza a privatizzare. L’aeroporto è pubblico e resta pubblico”.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI