carabinieri

Aggressione per futili motivi nel Siracusano, arrestati due parenti del boss Crapula

I Carabinieri di Noto hanno arrestato due uomini, di 35 e 44 anni, accusati di aggressione ai danni di un uomo, in pieno giorno nel centro cittadino di Avola (Siracusa).

L’agguato, avvenuto alla presenza di numerosi testimoni, sarebbe nato a seguito di dissidi tra le parti per futili motivi, ed è stato caratterizzato da estrema violenza e brutalità. I due uomini hanno avvicinato la vittima con l’inganno, fingendo cordialità, salvo poi percuoterlo ripetutamente anche mentre giaceva al suolo gravemente ferito.

La ricostruzione dei fatti ad opera dei Carabinieri della Compagnia di Noto, ottenuta incrociando i dati derivanti dall’analisi di alcuni filmati di sorveglianza con la denuncia della vittima, ha consentito di chiarire i contorni del brutale agguato.

I due autori del reato, per ragioni di parentela vicini al boss mafioso Crapula di Avola, sono stati denunciati alla polizia giudiziaria di Siracusa che, concordando con le ipotesi investigative dei Carabinieri, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare che li ha portati in carcere.

MAZZETTE PER LE SEPOLTURE, CONDANNATO L’EX DIRETTORE DEI CIMITERI DEL COMUNE DI PALERMO

MARSALA, PASTICCIERE PALERMITANO TROVATO MORTO NELLA SUA AUTO: AVEVA 35 ANNI

MAFIA, ARRESTATE 19 PERSONE TRA PALERMO, BARI E TARANTO: C’È ANCHE CANONICO DEL FOGGIA

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI