Agrigento, il Comune disse “no” a 21 villette a schiera: il Tar annulla il provvedimento

Alla ditta costruttrice era stato vietato dal Comune di costruire 21 villette a schiera in contrada Pisciotto, ma oggi il Tar Sicilia ha invece annullato il provvedimento in quanto “illegittimo”.

Il Comune aveva rigettato l’istanza di permesso di costruire presentata da una società con sede ad Agrigento. Le 21 villette a schiera sarebbero state su terreni ricadenti quasi interamente all’interno del piano particolareggiato Quadrivio Spinasanta, con destinazione ad attrezzature di interesse collettivo.

E’ stato quindi chiesto l’annullamento del provvedimento di diniego in ragione del fatto che il vincolo espropriativo non era più efficace al momento di adozione del provvedimento impugnato. La Seconda Sezione del Tar Sicilia – Palermo ha annullato il provvedimento dato che il vincolo non era più efficace, accogliendo di fatto la censura sollevata dai difensori sull’efficacia quinquennale degli stessi.

Il Comune di Agrigento dovrà quindi riesaminare l’istanza e, in caso di requisiti soddisfatti e a norma, rilasciare il permesso. Inoltre dovrà provvedere al pagamento delle spese giudiziali in favore della ditta ricorrente.

PALERMO, SEQUESTRO DI BENI DA 1 MILIONE DI EURO: TRE ARRESTI NELL’OPERAZIONE “BLACK SMITH”

ZONE FRANCHE MONTANE, CHIESTI ALLA REGIONE I 20 MILIONI DESTINATI AI COMUNI SICILIANI

CREDITO D’IMPOSTA, ATTINELLI: “UNA PATATA BOLLENTE. SERVONO DELLE NUOVE REGOLE”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI