Agrigento, per il crollo del cornicione indagati in 28: c’è anche un magistrato

La Procura della Repubblica di Agrigento ha iscritto 28 persone nel registro degli indagati nell’ambito dell’inchiesta per il crollo del cornicione che, il 18 settembre, ha fatto cadere anche l’impalcatura allestita per ristrutturare il lussuoso palazzo liberty di piazza Cavour.

Un cedimento che ha comportato lo sgombero di 20 appartamenti e la chiusura di alcune attività commerciali che si affacciano anche sul viale Della Vittoria di Agrigento.

A coordinare l’inchiesta è il sostituto procuratore Antonella Pandolfi che ha iscritto nel registro degli indagati i proprietari degli appartamenti, nella veste di committenti dei lavori, i responsabili della ditta, l’amministratore di condominio e i tecnici che hanno eseguito le opere.

Nella lista degli indagati ci sono anche, nella veste di proprietari di alcune unità immobiliari e, quindi, committenti dei lavori, un magistrato di Cassazione e un noto avvocato.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI