carabinieri

Aidone, donna trovata morta con la testa fracassata: la figlia confessa l’omicidio

La figlia di Vittoria Malaponti, la donna di 69 anni trovata senza vita in casa stamane ad Aidone (in provincia di Enna) con la testa fracassata, ha confessato di averla uccisa (sembrerebbe per dissidi tra madre e figlia per un imminente ricovero della madre in una casa di riposo). La donna è stata arrestata.

Stamane il ritrovamento – in quartiere San Giacomo – era avvenuto a seguito di una segnalazione proprio della figlia della vittima: la 47enne aveva sostenuto che la madre (casalinga) si fosse suicidata, ma i militari sin da subito non erano convinti di tale tesi e hanno iniziato a indagare per omicidio.

I carabinieri hanno trovato la 69enne in una pozza di sangue, con la testa fracassata e vicino al corpo un batticarne e un coltello: un primo esame del medico legale aveva già escluso il suicidio. Dopo gli interrogatori con i familiari della donna, la confessione della figlia della vittima.

RIFORMA SETTORE IDRICO, BARBAGALLO: “INACCETTABILE L’OK IN COMMISSIONE A MAGGIORANZA”

CATANIA, DROGA DA ALBANIA E OLANDA: 12 ARRESTI E MAXI SEQUESTRO DA 5 MILIONI DI EURO

COVID IN SICILIA, AUMENTANO I NUOVI POSITIVI (+35%) E I RICOVERI: I DATI SETTIMANALI

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI