almaviva

Almaviva, da Roma segnali positivi. No ai licenziamenti. L’8 gennaio nuova riunione

Ottimismo sul futuro di Almaviva? Da Roma filtrano queste positive indiscrezioni ma la vertenza si prolunga da così tanto tempo che sbilanciarsi diventa esercizio pericoloso. Oggi comunque a Roma si è svolto un incontro con i sindacati – giudicato positivo – e per gennaio è programmato un nuovo incontro. I licenziamenti sarebbero ormai scongiurati ma la strada del riordino della situazione è ancora lunga.

Il sottosegretario al lavoro Steni Di Piazza sottolinea che”i licenziamenti sono stati scongiurati e le condizioni sono di certo più favorevoli anche se il percorso da fare è ancora lungo e necessiterà di uno sforzo congiunto. Siamo coi lavoratori di Almaviva Palermo e confidiamo di dimostrarlo coi fatti. Con il Ministro Catalfo abbiamo testimoniato i nostri impegni anche rispetto all’intero settore dei call center. A gennaio riuniremo nuovamente il tavolo su Almaviva e quello sul futuro del comparto”.

Adriano Varrica, vice capogruppo M5S alla Camera, aggiunge: “Per il Movimento 5 Stelle il destino di Almaviva a Palermo è prioritario. Bisogna insistere in questo percorso difficile. In Parlamento supporteremo questo percorso di rilancio del settore, in linea con gli impegni del Governo. Bisogna fare ciò che è possibile per fare rientrare i volumi di lavoro dall’estero e per garantire il futuro dei lavoratori del settore”.

“I tempi stringono  – dichiarano il sindaco Leoluca Orlando e l’assessora Giovanna Marano – e c’è bisogno di decisioni. Avevamo sperato di ottenere già oggi certezze rassicuranti  per le migliaia di lavoratrici e lavoratori palermitani in ansia. Il tavolo già convocato per il prossimo 8 gennaio ci fa essere fiduciosi in una risposta utile a garantire i livelli occupazionali di Almaviva a Palermo“.

Categorie
economia
Facebook

CORRELATI