Almaviva, Lupo e Cracolici (Pd) chiedono iniziative urgenti. “A rischio 600 posti di lavoro”

La difficile situazione occupazionale dei lavoratori di Almaviva è stata affrontata oggi dal capogruppo del Pd all’Ars Giuseppe Lupo ed dal parlamentare PD Antonello Cracolici che durante il presidio dei lavoratori hanno invocato iniziative urgenti che garantiscano i livelli occupazionali.

“È il momento di passare dalla solidarietà agli atti concreti, intervenendo sulla nuova compagnia aerea ITA e sulla società di servizi Covisian affinché adottino con urgenza ogni misura idonea a garantire la continuità occupazionale per i lavoratori Almaviva di Palermo impedendo che la vertenza in atto si trasformi nell’ennesima emorragia di posti di lavoro”.

“Non possiamo rischiare – aggiunge Lupo, che ha presentato un’interrogazione parlamentare firmata da tutti i componenti del gruppo PD all’Ars – che vadano in fumo quasi 600 posti di lavoro ne accettare il mancato rispetto delle clausole sociali, diritto fondamentale dei lavoratori, e del riconoscimento di qualifiche e compensi maturati”.

“Il Governo regionale – concludono – ha il dovere di essere presente al confronto con i sindacati in sede ministeriale e di adottare con urgenza ogni misura idonea a garantire la continuità occupazionale impedendo che la delocalizzazione dei servizi mortifichi competenze e professionalità già esistenti”.”

Intanto l’amministrazione comunale di Palermo chiederà di essere presente al prossimo tavolo a Roma “per difendere la dignità e l’occupazione dei lavoratori Almaviva”. Lo hanno detto il sindaco Leoluca Orlando e l’assessora Giovanna Marano durante l’assemblea cittadina organizzata dai sindacati Cgil, Cisl e Uil tenutasi al Foro Italico.

“Quella a cui stiamo assistendo è una vera e propria provocazione alla città di Palermo – hanno aggiunto – perché in una realtà in cui 10 mila occupati hanno visto rispettata la clausola sociale anche da multinazionali private, adesso rischiano di perdere il proprio lavoro a causa di un’azienda pubblica che non intende rispettarla. Abbiamo sollecitato, lo scorso agosto, un incontro con i ministri Orlando e Giorgetti. Non consentiremo che dal Sud, da Palermo, parta una scorciatoia dei diritti. L’applicazione della clausola sociale è fondamentale perché significa riconoscere la dignità dei lavoratori. A cui l’amministrazione non farà mai mancare il proprio sostegno”.

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DELL’8 SETTEMBRE 2021

I DATI ANALITICI DELLA SICILIA, 8 SETTEMBRE 2021

BRONTE, UCCIDE LA MOGLIE E TENTA IL SUICIDIO

REGIONE, VIA LIBERA A NUOVI CONCORSI: 1.400 POSTI DISPONIBILI

DA PALERMO A MONZA, LO SPOT DELLA RED BULL – VIDEO

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI