Sequestrati beni per oltre sette milioni di euro a un imprenditore edile messinese

Amministrava “allegramente” i beni della mafia: ai domiciliari un commercialista palermitano

Arresti domiciliari per l’amministratore giudiziario Maurizio Lipani, accusato di essersi intascato somme di denaro provenienti da due aziende ittiche sequestrate al boss trapanese Mariano Agate, per un ammontare di circa 350 mila euro. Il provvedimento è stato eseguito dalla Dia di Trapani

Nei suoi confronti vengono ipotizzati i reati di peculato e autoriciclaggio. L’inchiesta, condotta dalla Procura di Palermo, è coordinata dal procuratore aggiunto Paolo Guido e dai sostituti Alessia Sinatra, Gianluca De Leo e Francesca Dessì. La procura ha già annunciato che impugnerà i domiciliari davanti al Riesame per chiedere la custodia in carcere.

Nell’ambito della stessa indagine sono finiti in carcere anche il figlio del capomafia trapanese, vicinissimo a Totò Riina e deceduto nel 2013, Epifanio Agate, e la moglie Rachele Francaviglia; nonostante il provvedimento di sequestro  avrebbero continuato a gestire parte del patrimonio di “famiglia”.

Maurizio Lipani, che è un noto commercialista palermitano, avrebbe distratto a proprio personale vantaggio, mediante prelevamenti di contante e bonifici inviati sui propri conti personali, somme di pertinenza delle aziende sottoposte a sequestro ai coniugi Agate e di altre aziende colpite da vincoli cautelari dell’autorità Giudiziarie a lui affidate in qualità di custode o amministratore giudiziario, omettendo di adempiere agli obblighi di rendicontazione.

Secondo quanto accertato dagli investigatori in pochi anni il professionista avrebbe distratto somme di pertinenza di aziende sequestrate per oltre 355 mila euro; tra i vorticosi movimenti bancari risulterebbero centinaia di prelievi su oltre 300 correnti e denaro transitato anche sui conti dello stesso Lipani. Per questo motivo il Gip di Palermo ha disposto nei confronti dell’indagato anche il sequestro per equivalente di una somma analoga. Sono al setaccio della Dia i conti bancari di altre decine di società ed imprese affidate in amministrazione giudiziaria a Lipani dalle quali si sospetta che il professionista possa aver distratto altro denaro. Le indagini riguardano anche eventuali collusioni del commercialista con soggetti sottoposti a misure di prevenzione.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI