Annullata con rinvio la sentenza di condanna per Giuseppe Ferdico, il “re” dei detersivi

E’ stata annullata con rinvio, dalla Corte di Cassazione, la sentenza di condanna a 9 anni e 4 mesi di reclusione emessa nei confronti di Giuseppe Ferdico, imprenditore nel settore della vendita di detersivi a Palermo, che era stato condannato in appello per concorso esterno in associazione mafiosa.

Gli avvocati Luigi Miceli e Roberto Tricoli, legali di Giuseppe Ferdico, si sono detti “soddisfatti per l’esito favorevole del giudizio di legittimità e, da sempre, convinti della totale estraneità del signor Ferdico ai fatti che gli vengono contestati. Lo dimostreremo nel giudizio di rinvio”.

Una storia giudiziaria lunga e complessa quella di Giuseppe Ferdico, arrivato a processo dopo tre richieste di archiviazione dei pm e l’imputazione coatta disposta dal gup. Parallelamente al processo penale a carico dell’imputato si è svolto il procedimento di prevenzione che in primo grado ha portato alla confisca del suo patrimonio, stimato in 450 milioni di euro. Per il tribunale c’erano indizi che Ferdico fosse mafioso e che avesse riciclato denaro di Cosa nostra.

CASO SHALABAYEVA, CINQUE ANNI AL QUESTORE CORTESE

CORONAVIRUS, IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 14 OTTOBRE

VIRGIN, CHIESTA LA REVOCA DEL PROVVEDIMENTO DI SEQUESTRO

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI