Approvato all’Ars l’esercizio provvisorio fino ad aprile: 34 voti a favore

L’esercizio provvisorio è stato approvato dall’Assemblea regionale nel primo pomeriggio. È passato con 34 voti a favore e 16 contrari. Il testo prevede una durata dell’esercizio provvisorio fino a fine aprile ma questo non esclude la possibilità che il bilancio del Governo posa essere approvato prima.

Tutto come previsto, dunque, in una giornata politicamente meno nervosa rispetto alle precedenti giornate con il presidente dell’Ars Miccichè che è riuscito a condurre il dibattito verso il traguardo finale rispettando la scadenza fissata.

Sono stati votati e approvati anche alcuni emendamenti, soprattutto dell’opposizione, tra cui quello che stanzia un milione di euro a favore dei talassemici e un altro milione per il personale dei Consorzi di Bonifica che avevano concluso i loro contenziosi. Assegnati anche 133 mila euro per il “Taormina Arte”. L’articolo 2 dopo l’emendamento del Pd non prevede la deroga per i capitoli del turismo (600.000 euro), attività produttive (oltre 90.000 euro) e beni culturali (circa 200.000 euro).

“Il nostro voto contrario all’esercizio provvisorio, al di là del mero documento contabile, vuole esprimere il dissenso netto e la totale disapprovazione verso l’operato dell’esecutivo, che giudichiamo fallimentare”, ha detto Nuccio Di Paola in rappresentanza dei 5 Stelle.

“Abbiamo votato contro l’esercizio provvisorio di un governo provvisorio – aggiunge Giuseppe Lupo per il Pd – che si contraddistingue per precarietà politica ed incertezza finanziaria”.

Adesso l’Ars va “in ferie”, nel senso che tornerà a riunirsi in data da destinarsi, dopo che sarà stata portata a termine l’elezione del capo dello Stato alla quale prenderanno parte il presidente dell’Ars Miccichè, il presidente della Regione Musumeci e il capogruppo del M5S, il gruppo più numeroso dell’opposizione, Nuccio Di Paola.

COVID IN SICILIA, I DATI DEL 19 GENNAIO

“MUSUMECI COME SCHETTINO”: LE OPPOSIZIONI ALL’ARS CONTRO IL GOVERNO

MORTO L’EX DEPUTATO ANTONIO BORROMETI

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI