Aree protette in Sicilia, in arrivo 16 milioni di euro: via libera alla graduatoria

Il Governo Musumeci ha dato il via libera alla graduatoria definitiva per lo stanziamento di sedici milioni di euro per la tutela e la valorizzazione di aree di attrazione naturale di rilevanza strategica presenti in Sicilia. Si tratta di aree protette in ambito terrestre o marino e paesaggi tutelati. Sono stati valutati come ammissibili 42 progetti definitivi ed esecutivi, di cui undici finanziati.

I beneficiari sono gli enti locali, gli enti gestori delle riserve naturali (fra cui il dipartimento regionale dello Sviluppo rurale) e gli enti Parco della Sicilia. È stata promossa la realizzazione di lavori pubblici che riguardano il recupero di sentieristica e di altre vie e punti di accesso per le attrattività nelle aree della Rete ecologica regionale, ma anche reti sentieristiche e ciclopedonali di connessione esterna tra le aree protette.

“Abbiamo raggiunto – commenta l’assessore Cordaro – un altro importante obiettivo in materia di spesa comunitaria, investendo in progetti che ci consentiranno di migliorare la tutela e la valorizzazione di aree naturali di rilevanza strategica, promuovendo processi di sviluppo sostenibile. Gli interventi, immediatamente cantierabili, interessano quasi tutti i territori della regione e delle isole minori e daranno grande impulso all’economia siciliana, attraverso l’impiego di fondi comunitari”.

Prevista anche la realizzazione di aree verdi attrezzate per la ricreazione all’aria aperta, orti botanici, punti di osservazione, attrezzature e strutture dirette al miglioramento della fruizione del patrimonio ambientale, anche mediante il recupero di strutture non utilizzate con caratteristiche legate alle tradizioni o alla storia del territorio (come edifici rurali, mulini, etc) per la realizzazione di centri visita, punti di informazione e piccole strutture ricettive.

SCANDALO COVID, “LA TERAPIA INTENSIVA DIMINUISCE PERCHÉ CE LI SCOTOLIAMO”

MUSUMECI, DRAGHI E IL PESCE D’APRILE CHE NON FA RIDERE

SCANDALO DATI COVID: SPUNTA IL NOME DI COSTA

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI