Armao e i costi dell’insularità: “Pesano più della pandemia, servono compensazioni”

“Questo studio ci consente di introdurne i risultati nel negoziato con il Governo centrale perché tale costo occulto, che i siciliani pagano per la condizione di insularità, deve essere considerato nelle relazioni finanziarie tra Stato e Regioni, così come richiede la Corte Costituzionale”. É quanto sottolinea il vicepresidente della Regione e assessore all’economia Gaetano Armao nell’ambito della presentazione dello studio sui costi dell’insularità e il peso che questa ha avuto negli ultimi 20 anni.

Lo stesso Armao ribadisce: “Sei miliardi e mezzo di euro annui rappresentano un peso assai rilevante: è come se l’economia siciliana negli ultimi venti anni avesse subito un peso analogo a quello portato dalla pandemia. L’Italia dopo la Brexit è divenuto il Paese europeo con il più alto numero di cittadini insulari. L’ordinamento europeo impone di considerare la condizione di insularità e questo lo hanno recentemente ribadito sia la presidente Von der Leyen che il commissario Ferreira. Lo svantaggio patito da famiglie e imprese dovrà trovare immediatamente considerazione e compensazione da parte dello Stato”.

“Con il governo centrale – conclude l’assessore all’Economia – ci confronteremo sulla condizione di insularità all’interno del negoziato per l’attuazione dell’autonomia fiscale e finanziaria, insieme ad altri temi fondamentali come la fiscalità di sviluppo per attrarre investimenti e la perequazione infrastrutturale. L’entità finanziaria annuale dei costi dell’insularità é per la Sicilia maggiore degli effetti economici della pandemia Covid 19. Lo studio rappresenta, nel caso ce ne fosse bisogno, un argomento in più per ottenere ciò che chiediamo, vale a dire le stesse opportunità di ogni altro territorio. L’esigenza di affrancarci da questo oggettivo handicap è legittima e a Roma non si può continuare a far finta di niente. É necessario concludere al più presto uno specifico accordo con lo Stato e l’Ue sulla continuità territoriale, per introdurre misure compensative in favore dei cittadini e delle imprese dell’Isola”.

“Un danno che era già sotto gli occhi di tutti ma che adesso – sottolinea il governatore Nello Musumeci – ha contorni ben precisi e assume plasticamente le sembianze di un macigno che soffoca lo sviluppo dell’Isola, penalizzata da sempre sia nel contesto europeo che in quello nazionale. Si tratta di una tassa occulta e inaccettabile che grava sul nostro futuro ed è per questo che abbiamo riportato con forza al centro dell’attenzione il tema della compensazione degli svantaggi dovuti all’insularità”.

CORONAVIRUS E LOCKDOWN: LE DICHIARAZIONI DI MUSUMECI

EMERGENZA A VITTORIA: 410 CASI, FILE DI AMBULANZE AL “GUZZARDI”

MUSUMECI E IL DDL: “NESSUNO QUI VUOL RIAPRIRE SUBITO”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI