Armao: “Solite volgarità di Micciché, punto di non ritorno. Incompatibile col suo ruolo”

Ancora scorie dopo le parole di Gianfranco Micciché rilasciate in un’intervista a La Stampa. Il presidente dell’Ars avrebbe infatti chiamato il Governatore Nello Musumeci “fascista catanese” (oltre ad altri variopinti appellativi), salvo poi tornare indietro attraverso una nota.

Il vice presidente della Regione Siciliana Gaetano Armao ha commentato i toni di Micciché considerati “incontinenti” e già utilizzati “in passato nei confronti miei e di assessori, sono scomposti ed inadeguati, oltre che totalmente falsi”.

“È costituzionalmente inaccettabile che egli si esprima con queste volgarità dal ruolo che ricopre ed è incredibile che le forze politiche di opposizione, per bieca convenienza, non dicano una parola su questa grave frattura statutaria. Lo Statuto regionale, che ho sempre difeso da siciliano e da giurista, prima che da componente del governo, è stato tradito, calpestato con il silenzio di troppi, ma ciò non avverrà col mio”.

“E poi su quel deputato presunta vittima di Musumeci – prosegue -, che ha cambiato più partiti che costumi da bagno, e che non ho mai sentito in questi anni occuparsi da parlamentare di una questione di interesse generale (e mi limito a questo), sodale di Miccichè indipendente dal partito di turno, sarebbe stato meglio tacere”.

Lo stesso Micciché aveva affermato in mattinata che le parole dell’intervista non erano state pronunciate ma il vice presidente della Regione Sicilia non è d’accordo. “L’autorevolezza del giornalista chiamato in causa, adesso precipitosamente contestato dal bislacco intervistato che si rimangia all’Italpress le parole dal “sen fuggite”, rende inverosimile anche la smentita”.

“Il Presidente dell’Assemblea é incompatibile con ruolo che svolge, l’ho detto e continuerò a dirlo in ogni sede, ma quel che accade oggi determina un punto di non ritorno”, conclude.

MICCICHÉ A LA STAMPA: “MUSUMECI È UN FASCISTA. NESSUNO LO VUOLE”. POI LA PRECISAZIONE

MICELI: “MICCICHÉ CHIAMA FASCISTA MUSUMECI? CONDIVIDO, PERÒ POI SOSTIENE IL SUO CANDIDATO”

AMMINISTRATIVE, CASCIO ANNUNCIA: “SARÒ VICESINDACO”. MA LAGALLA FRENA E SCOMA…

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI