Arrestato il latitante Piero Luisi, “l’uomo della cocaina”. Ma lui dice: “Ora torno di nuovo”

Lo hanno beccato in via Rocco Jenna, a Palermo, a pochi passi dal Policlinico di Palermo. E la sua latitanza è finita dopo averla fatta franca in due precedenti blitz delle forze dell’ordine. Pietro Luisi, 29 anni, è stato arrestato dagli agenti della squadra mobile di Palermo, si trovava all’interno di un condominio. I poliziotti sono arrivati a Luisi seguendo i familiari che portavano la spesa e i vestiti puliti.

Teatrale le fasi successive al suo arresto. Luisi infatti, quando è uscito dalla squadra mobile per essere tradotto al carcere dei Pagliarelli, ha prima mandato baci e gesti affettuosi ai suoi parenti che lo aspettavano fuori: poi ha detto, in dialetto: “Ora torno di nuovo”.

Luisi avrebbe fatto carriera divenendo un elemento di spicco del mandamento mafioso di Santa Maria di Gesù, suo quartiere d’origine dove era considerato “l’uomo della cocaina”, e di quello limitrofo di Brancaccio. Sarebbe stato lui a tenere i contatti con le grosse famiglie della Ndrangheta e a far pervenire nel capoluogo siciliano grosse quantità di cocaina.

E’ stata documentata una trattativa, condotta in prima persona da Luisi, per conto del clan di Corso dei Mille, con la famiglia Barbaro di Platì, per trattare l’importazione a Palermo di una grossa partita di cocaina.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI