Arrestato il rapper Niko Pandetta, era irreperibile dopo la condanna

Vincenzo Pandetta, in arte Niko, notissimo rapper catanese, è stato arrestato dalla Polizia in esecuzione di un’ordine di carcerazione per spaccio ed evasione. Il cantante, dopo aver pubblicizzato nei giorni scorsi sui social la notizia della sua condanna, si era sottratto al provvedimento ma è stato rintracciato in zona Quarto Oggiaro dagli agenti della Sezione Criminalità Organizzata della Squadra Mobile della Questura di Milano.

Nei giorni scorsi la Cassazione ha respinto il ricorso dei legali del rapper, rendendo definitiva la condanna a quattro anni per spaccio. Lo scorso 6 settembre, sul suo profilo Instagram, si era fatto fotografare in divisa da carabiniere. “Maresciallo non ci prendi”, il commento dell’artista, noto alle cronache anche per essere nipote del boss Turi Cappello.

“Sono abituato agli spazi stretti, alle case piccole, alle celle, alla scena italiana. Quando tornerò là mi porterò il vostro affetto. Da dentro vi darò nuova musica. Uscirò e mi vedrete più forte di prima”, è un altro suo post, seguito cinque giorni fa da queste parole: “Sono cambiato ma pagherò il mio passato finché ci sarà da pagarlo. Non fuggo più né dalla polizia né dalle mie responsabilità”. L’ultima foto sui social è delle scorse ore e lo inquadra dietro le sbarre nel carcere di Opera.

DROGA, COMUNITÀ D’ALLOGGIO TRASFORMATA IN CENTRALE DI SPACCIO: 7 MISURE CAUTELARI

GRAVI ILLECITI FISCALI, CONFISCATI BENI PER OLTRE 4 MILIONI DI EURO A UN COMMERCIALISTA DI GELA

INCIDENTE SULL’AUTOSTRADA PALERMO-MESSINA, DOPO 5 GIORNI MUORE UNA DONNA DI 62 ANNI

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI