ars variazioni di bilancio

Ars, approvate le variazioni di bilancio. Miccichè: “Grande senso di responsabilità”

Il disegno di legge di variazioni di bilancio è stato approvato all’Assemblea Regionale alle 20.25 in un clima piuttosto elettrico. 31 i voti favorevoli, 20 quelli contrari. 51 votanti sui 59 presenti. Ma alcuni esponenti dell’opposizione hanno contestato la votazione finale.

La situazione all’Ars si è sbloccata nel tardo pomeriggio. Il presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè, per risolvere il problema degli stipendi dei lavoratori (circa 4.000 tra Pip, forestali, consorzi di bonifica e vari enti regionali) ha preso in mano la situazione convocando maggioranza e opposizione nel suo studio e ha fatto in modo che si raggiungesse un accordo per permettere di presentare un maxi emendamento che poi è stato portato in Aula in serata per l’approvazione.

Tra i punti salienti del maxiemendamento c’è un contributo straordinario di 3 milioni per l’Irvo (istituto regionale vini e oli) e un fondo di 3 milioni e 99 mila euro per i Comuni in dissesto o pre dissesto o “che non hanno potuto provvedere al pagamento di almeno due mensilità dei dipendenti di ruolo”.

Dopo un pomeriggio a singhiozzo, insomma, la situazione si è sbloccata dopo due giorni di dibattito a colpi di emendamenti. Adesso il documento approvato è pronto anche per la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale già domani.

L’Ars, fissata per oggi alle 15.00, era stata aperta per pochi minuti per consentire una riunione dei capigruppo parlamentari. Poi ha ripreso i lavori con qualche votazione sugli emendamenti presentati e poi di nuovo la sospensione voluta dal presidente Miccichè per accelerare i tempi.

“Voglio ringraziare i deputati della maggioranza e delle opposizioni che, con grande senso di responsabilità, hanno permesso di approvare questo ddl sulle variazioni di bilancio – ha detto Miccichè -. Poiché sarà possibile pubblicare sulla Gazzetta Ufficiale le variazioni di bilancio, potranno essere pagati gli stipendi di circa 4 mila precari tra ex PIP, forestali e personale dei consorzi di bonifica, che così potranno trascorrere il santo Natale con serenità”.

Alessandro Aricò, capogruppo di Diventerà Bellissima, dice che con la legge “si garantisce un fondamentale sostegno economico ai Comuni siciliani in fase di dissesto” e sottolinea il provvedimento “che destina ulteriori fondi per un milione di euro ai siciliani affetti da gravi forme di talassemia”.

Dichiarazioni polemiche da parte dell’opposizione. Il M5S parla di “votazione farsa con una manovra prima bocciata e poi rivotata per farla passare”. Secondo Claudio Fava “assicurare gli stipendi a una vasta platea di lavoratori è cosa doverosa, ma non può essere l’unica attività del Parlamento e del Governo Regionale” ma punta il dito contro la ripetizione anomala del voto in aula. Al netto delle valutazioni di merito si rischia una parodia della democrazia”.

 

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI