Ars, giornata nervosa: slitta il dibattito in Aula con il presidente Musumeci

È stata una giornata nervosa all’Ars, com’era facilmente prevedibile considerato che si è trattato della prima seduta dopo quella “incandescente” della settimana scorsa che ha riguardato la nomina dei tre grandi elettori del Capo dello Stato e che ha mandato “un messaggio chiaro” al presidente Musumeci.

In estrema sintesi: il dibattito con il Governatore non c’è stato ma ci sarà come ha stabilito la conferenza dei capigruppo che si è svolta in serata ma che non ha ancora fissato la data esatta. La votazione finale dell’esercizio provvisorio sarà nella tarda mattinata di mercoledì. Pochi dubbi che domani sarà approvato.

In apertura di seduta, le opposizioni avevano chiesto la presenza in Aula di Musumeci per poter svolgere il dibattito sulla situazione politica, richiesto a gran voce nei giorni scorsi, dopo il ventilato azzeramento della Giunta che però non è avvenuto e probabilmente non avverrà. Ma il presidente dell’Ars Miccichè ha preferito portare avanti il dibattito d’Aula sull’esercizio provvisorio garantendo comunque che alla fine del dibattito di oggi la conferenza dei capigruppo si sarebbe riunita per calendarizzare la data.

La giornata dunque è stata “monopolizzata” dai deputati – soprattutto di opposizione – sul testo dell’esercizio provvisorio.

Domani mattina, prima dell’inizio del dibattito in aula, ci sarà una conferenza stampa delle forze di opposizioni: sulla situazione politica regionale e una possibile crisi del governo Musumeci parleranno i rappresentanti di M5S, Pd e Cento Passi, rispettivamente Nuccio Di Paola, Giuseppe Lupo e Claudio Fava.

COVID, IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 18 GENNAIO 2022

PALERMO, ANCORA BATTAGLIA IN CONSIGLIO COMUNALE SUL PIANO DI RIEQUILIBRIO

MESSINA, CONTINUA LA PROTESTA DEL SINDACO DE LUCA: COMINCERÀ ANCHE LO SCIOPERO DELLA FAME

BORGETTO, RIPRESI DALLE TELECAMERE MENTRE SPACCIAVANO DROGA: 12 ORDINANZE CAUTELARI

TRATTA DI ESSERI UMANI, QUATTRO NIGERIANI ARRESTATI

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI