miccichè e il laboratorio sicilia sì alla casa dei moderati e senza salvini

Ars, “il voto segreto è assurdo”: Miccichè convoca la commissione regolamento

“Il voto segreto è assurdo, lo eliminò Craxi in Italia e noi siamo gli unici a livello regionale a mantenerlo: spesso siamo in vantaggio rispetto al Paese in tema di riforme, in questo caso no. Non è facilissimo però eliminare il voto segreto, ne stiamo discutendo e porterò in commissione regolamento una proposta”.

Lo dice il presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè che ha convocato per domani, mercoledì, la commissione regolamento dell’Ars. L’obiettivo è quello di eliminare il voto segreto per le votazioni che non riguardino persone o fatti di coscienza. Lo stesso Miccichè, all’inizio della legislatura, aveva proprio affermato che uno degli obiettivi della sua presidenza sarebbe stato l’abolizione del voto segreto. Secondo il regolamento, però, per abolire il voto segreto si può ricorrere… al voto segreto.

La questione era divampata la settimana scorsa, quando proprio con il voto segreto era stato bocciato l’articolo 1 della legge di riforma dei rifiuti, scatenando le ire del presidente della Regione Musumeci che ha dichiarato che il Governo non sarebbe più tornato in aula fino a quando non fosse stato abolito il voto segreto.

Intanto la commissione Ambiente che avrebbe dovuto apportare delle riscritture al testo di riforma dei rifiuti, riproponendo almeno in parte i principi dell’art.1, non si è riunita a causa del maltempo che ha impedito ad alcuni parlamentari di potere raggiungere in tempo Palazzo dei Normanni. Se ne potrebbe riparlare domattina, mercoledì, ma non è scontato. Probabile che l’aula faccia scorrere l’ordine del giorno rinviando la discussione sul ddl rifiuti.

Per DiventeràBellissima, sul voto segreto, va replicato lo schema adottato in Senato con l’inapplicabilità per leggi di bilancio e riforme mantenendolo per le norme sui diritti mentre per il M5s va mantenuto, a prescindere dai contenuti di una norma, ma dando la prevalenza al voto palese.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI