ars passa la legge sulla composizione delle giunte ma senza quote rosa

Ars, la Commissione sanità: “Vanno revocati i provvedimenti disposti dagli indagati”

La commissione sanità dell’Assemblea regionale ha annunciato che saranno convocati in tempi rapidissimi i dirigenti della Centrale Unica di Committenza (Cuc) per capire cosa è stato fatto dall’attuale direttore generale dell’Asp di Trapani Fabio Damiani, già dirigente responsabile della stessa Cuc della Regione Siciliana, e dall’ex direttore generale dell’Asp 6 di Palermo Antonio Candela, attuale coordinatore della struttura regionale per l’emergenza Covid-19, e cosa c’è in corso. Chiederemo la revoca di tutti i provvedimenti disposti dagli indagati”.

In una nota della commissione presieduta da Margherita La Rocca Ruvolo, che ovviamente fa riferimento all’inchiesta “sorella sanità” che ha portato all’arresto di dieci persone, c’è anche l’invito alle imprese a “denunciare all’autorità giudiziaria eventuali irregolarità e anomalie nelle gare”.

“Desideriamo ringraziare la magistratura e le forze dell’ordine che hanno messo in luce una situazione inaccettabile – prosegue la nota -. Al di là delle contestazioni rivolte agli indagati sul piano penale, ciò che emerge è uno spaccato desolante e preoccupante: lobby affaristiche e interessi illeciti privati condizionerebbero nomine e appalti nella sanità a scapito dei siciliani che invece hanno diritto a un miglioramento dei servizi sanitari dopo anni di corruttele e inefficienze intollerabili”.

INCHIESTA SANITA’, LE STRANE COPPIE E I MECCANISMI DI INCASSO

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI