Caso Arata, la commissione antimafia rende noto il calendario delle audizioni

Ars, la Finanziaria parte tra molte tensioni: poi l’Aula approva quattro articoli

I primi quattro articoli della Finanziaria sono stati approvati: sono l’articolo 1 sul monitoraggio della spesa corrente, l’articolo 3 che riguarda gli aumenti dei canoni di locazione, l’articolo 5 sulla gestione centralizzata degli acquisti, l’articolo 6 su tributi speciali per il conferimento dei rifiuti. In due occasioni la maggioranza ha rischiato di andare sotto al voto segreto. Si prosegue mercoledì pomeriggio.

In Aula il clima è stato teso fin dall’inizio della seduta che era già stata sospesa lunedì per alcune incongruenze nell’articolo 3. A proposito dell’impugnativa del Consiglio dei Ministri sulle variazioni di bilancio 2020, gli uffici dell’Assemblea specificano che la manovra finanziaria si può tranquillamente affrontare ma che un eventuale accoglimento della Corte Costituzionale dell’impugnativa del CdM produrrebbe un “buco” di 35 milioni di euro sui conti della Regione.

Tra il presidente dell’Assemblea, Gianfranco Miccichè, e il governatore Nello Musumeci ci sono state tensioni quando Micciché, rivolto all’assessore Armao, ha detto che se si fosse saputo prima dell’impugnativa il problema sarebbe stato risolto già in Commissione senza bisogno di arrampicarmi sugli specchi”. A quel punto Musumeci ha replicato piccato: “Lei non deve arrampicarsi sugli specchi. Qui nessuno ha qualcosa da nascondere, stanno venendo a galla errori, e mi limito a questo, non ascrivibili a questo governo e a questa maggioranza. O la presidenza dell’Ars aderisce alla considerazione che fanno gli uffici dell’Ars e si va avanti o si faccia una conferenza dei capigruppo, ma non possiamo andare avanti fra le polemiche a chi la spara più alta e più grossa”.

È intervenuto anche l’assessore Armao: “Non ho mai detto che il ricorso del CdM non ci fosse, io ho detto che c’era la delibera e non era stato notificato ricorso fino al giorno 10. A corroborare poi la posizione degli uffici dell’Ars, c’è la relazione del Ragioniere generale della Regione e dell’Avvocato generale”. Armao ha specificato che “in bilancio sono appostati 100 milioni di euro, ben oltre le sue più pessimistiche previsioni”.

Miccichè ha sospeso la seduta per circa mezz’ora. Poi ha dato… il via alla Finanziaria: “Abbiamo verificato, nel fondo di accantonamento del Bilancio c’è la possibilità di coprire eventuale maggiore disavanzo dovuto all’impugnativa delle variazioni di bilancio 2020”. Il deputato regionale Claudio Fava, contestando la ricostruzione dell’assessore Armao, ha chiesto che venga messo a verbale che “l’impugnativa del CdM delle variazioni di bilancio 2020 è stata pubblicata nel portale il 26 febbraio e trasmessa alla Presidenza della Regione l’1 marzo”.

ANCHE SCIACCA E REGALBUTO DIVENTANO ZONA ROSSA

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 16 MARZO 2021

“ESTREMAMENTE VULNERABILI”, APERTE IN SICILIA LE PRENOTAZIONI /COME FARE

QUALI CATEGORIE RIENTRANO NEGLI “ESTREMAMENTE VULNERABILI”

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI