Ars, Miccichè: “Rischia di andare in fumo il concorso per i Centri per l’Impiego”

Il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Miccichè, commenta la notizia sulla selezione per il concorso nei centri per l’impiego. “Non comprendo perché si debba affidare a Consip, che non è attrezzata, la selezione delle domande per l’assunzione di 1.500, tra diplomati e laureati, nei Centri per l’impiego della Sicilia e non a Formez, che è una società che opera in house, essendo di proprietà dello Stato. E noi abbiamo bisogno di fare presto“, dice.

“Consip chiede 2,5 milioni di euro per processare 11 mila domande; Formez con la stessa spesa garantisce la verifica di 110 mila domande di potenziali candidati – continua – . Per attivare la convenzione con Consip sarebbero necessari dai 145 ai 175 giorni per la pubblicazione dei bandi di concorso, che deve essere preceduta dall’attivazione di un’apposita procedura; Formez, invece, dispone già della necessaria piattaforma per la ricezione delle domande”.

“Con Formez le procedure sarebbero molto più veloci e le fasi concorsuali non si svolgerebbero a ridosso delle elezioni regionali, come inevitabilmente sarebbe con il coinvolgimento di Consip – conclude – . In questo modo si mette a rischio il concorso e la possibilità di dotare i nostri centri per l’Impiego delle adeguate professionalità”.

SEUS E SAS SENZA VERTICI, MONTERA (CISL FP): “BASTA FARE POLITICA”

MUSUMECI: “INTEL? CATANIA HA TUTTE LE CARTE IN REGOLA”

FRANCOFONTE ANCORA “ZONA ARANCIONE”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI