Asp Messina, il commissario La Paglia in visita all’ospedale di Sant’Agata Militello

Il commissario dell’azienda sanitaria provinciale di Messina, Paolo La Paglia, ha incontrato il direttore sanitario dell’Asp 5 Domenico Sindoni, l’assessore regionale alle autonomie locali Bernardette Grasso, la dirigente del distretto sanitario Rosalia Caranna ed altri esponenti politici regionali nell’ambito della visita all’ospedale di Sant’Agata Militello, annunciando l’arrivo nel nosocomio di una nuova Tac e la possibilità futura di nuovi interventi sulla struttura.

La Paglia nel corso della visita  sottolinea: “Abbiamo acquistato quattro nuove Tac, di cui una arriverà all’ospedale di Sant’Agata Militello. Mi riservo di vedere bene la situazione strutturale dell’ospedale e, anche se oggi la sicurezza ci impone rigorosi standard, vedremo insieme ai tecnici tutto quello che si può fare per ampliare gli spazi a tutto vantaggio dei cittadini”.

A fare gli onori di casa il sindaco Bruno Mancuso: “Confidiamo che le tante problematiche della sanità sui Nebrodi possano essere quantomeno alleggerite rispetto ai gravi disagi che fino a questo momento il nostro territorio patisce. Mi riserverò di chiedere un incontro approfondito a Messina con lo stesso commissario La Paglia per parlare di sanità nell’area interna Nebrodi e ovviamente dell’ospedale di Sant’Agata Militello, dove ci sono molte debolezze che vanno assolutamente colmate. Mi riferisco, in particolare, alla necessità di un potenziamento dei reparti esistenti, soprattutto con mezzi e uomini”.

“Accolgo con soddisfazione la notizia dell’acquisto e della prossima installazione di un nuovo macchinario per la Tac – continua il sindaco –.  Va ricordato come i colleghi di quest’ospedale siano costretti a lavorare quotidianamente in condizioni di assoluta precarietà ed a loro bisogna dare assolutamente i mezzi necessari per operare dignitosamente. Dobbiamo, quindi, sfruttare le possibilità dell’Area Interna per potenziare la medicina sul territorio ed alleggerire l’ospedale di alcuni oneri che in questo momento ingolfano la struttura e non ne facilitano la funzionalità né l’erogazione di servizi indispensabili”.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI