Assalto alla sede Cgil a Roma, solidarietà dal mondo politico e sindacale siciliano / REAZIONI

Dopo l’assalto alla sede nazionale della Cgil a Roma (a margine delle manifestazioni “No Green Pass”), il mondo politico e sindacale in Sicilia si unisce nell’esprime solidarietà al sindacato che oggi porta avanti una mobilitazione in tutte le sue sedi.

NELLO MUSUMECI (Governatore Sicilia): “I sindacati sono presidio di democrazia e difesa dei diritti dei lavoratori, di tutti noi. Solidarietà alla Cgil e ferma condanna per quanto accaduto ieri a Roma. Il diritto di manifestare dissenso non deve mai degenerare nella violenza che, di qualunque matrice, non può trovare alcuna tolleranza”.

ANTHONY BARBAGALLO (segretario PD Sicilia) – “Quello a cui abbiamo assistito ieri nella Capitale è un vero e proprio atto squadrista di ‘infiltrati’ alla manifestazione, fascisti che non si rassegnano, eversivi di di una estrema destra anacronistica e pericolosa. Manifestare è democratico, attaccare i palazzi è rivoluzionario ma qui siamo di fronte a gesti anti democratici di inaudita violenza: irrompere nella sede del più grande, storico e importante sindacato italiano è una follia che non può e non deve passare sotto silenzio, Bene ha fatto la Cgil ad aprire tutte le sue sedi sparse nel territorio: alla violenza squadrista e fascista si risponde con il dialogo e la democrazia e il PD sarà al fianco del sindacato in questa guerra di civiltà democratica”.

ALESSANDRO ALBANESE (presidente Confindustria Sicilia) – “Pieno sostegno alla Cgil e al suo segretario regionale, Alfio Mannino, per l’assalto avvenuto ieri alla sede di Roma”. Lo afferma il presidente di Confindustria Sicilia, Alessandro Albanese, che aggiunge: “I sindacati sono un presidio di democrazia, di libertà e di tutela dei diritti dei lavoratori. Quanto accaduto non è tollerabile. Il diritto a manifestare le proprie idee non può mai degenerare in atti di violenza che rappresentano l’esatta antitesi del dialogo democratico”.

CISAL SICILIA E PALERMO – “L’attacco alla sede della Cgil di Roma da parte di violenti e neofascisti, in occasione delle manifestazioni di ieri, è un attacco a tutto il mondo sindacale e dei lavoratori. La Cisal esprime solidarietà alla Cgil e ribadisce la ferma condanna nei confronti di ogni violenza”.

SINALP SICILIA – “L’attacco violento va sempre condannato, l’assalto al cuore della nostra democrazia va sempre condannato, l’assalto alla sede della Cgil è da condannare ed il Sinalp e tutti i suoi iscritti, esprimono la piena solidarietà ai colleghi della Cgil per quanto hanno subito e siamo certi che la polizia saprà isolare e condannare i violenti che hanno incitato all’odio chi era sceso in piazza per protestare contro uno strumento ideato male, proposto peggio ed imposto senza alcuna certezza”.

ASSOCIAZIONE SICILIANA STAMPA: “Quanto è accaduto a Roma non è solo un attacco alla sede della Cgil ma è da considerare un attacco grave e pericoloso al sindacato tutto come istituzione. Il legittimo diritto di manifestare non può essere inquinato da chi, strumentalmente e con scopi di destabilizzazione sociale, vuole portare il Paese in un clima di tensione ingiustificato. Assaltare la sede di un sindacato non è un atto di protesta ma un reato che, come tale, va perseguito. Il sindacato è un presidio di diritti e un baluardo dei valori democratici a difesa dei lavoratori e, più in generale, dei cittadini”.

FELICE COPPOLINO (presidente Unicoop Sicilia)“Quanto accaduto a Roma, nel corso della manifestazione contro il greenpass, è un atto deprecabile. Un vile attacco alla democrazia e un gesto inaccettabile da condannare senza se e senza ma. Da quasi due anni stiamo combattendo una durissima battaglia contro la pandemia, che è costata la vita in tutto il mondo a milioni di persone. Nessuno potrà mai dimenticare il lungo corteo di bare a Bergamo. E ieri quelle immagini hanno profondamente infangato quella memoria”.

AMMINISTRATIVE IN SICILIA, URNE APERTE IN 42 COMUNI

MANLIO MESSINA DENUNCIA UNA PROPOSTA DI TANGENTE AL SUO SEGRETARIO

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 9 OTTOBRE 2021

SICILIA IN ZONA BIANCA, COSA CAMBIA

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI