Assalto alla sede della Cgil, arrestato il leader palermitano di Forza Nuova

Il leader palermitano di Forza Nuova, Massimiliano Ursino, è stato arrestato nell’ambito delle indagini riguardanti l’assalto alla sede della Cgil a Roma, avvenuto lo scorso 9 ottobre. È accusato di resistenza pluriaggravata e devastazione aggravata.

Oltre a Ursino è stato arrestato anche un altro esponente della formazione di destra di Arezzo. I due sarebbero stati immortalati dalle telecamere mentre facevano irruzione nella sede storica del sindacato di Corso Italia.

Ursino, difeso dall’avvocato Enrico Sanseverino, si era fatto anche un selfie davanti alla sede della Cgil, prima del raid, e aveva pubblicato la foto sui social: in primo piano c’è Giuliano Castellino, il leader romano del movimento di estrema destra arrestato dopo gli scontri.

IL COVID IN SICILIA CONTINUA A RALLENTARE IN TUTTI I PARAMETRI

“95 POSTI LETTO DI INTENSIVA CREATI IN UN ANNO”: IL BILANCIO DELLA REGIONE

ASSUNZIONI NELLE PARTECIPATE: LA REGIONE VERSO IL SÌ

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI