Assenteisti al Comune di Partanna: indagati cinque dipendenti “furbetti”

Dalla fila alle poste alla spesa al supermercato, passando per una pausa caffè di qualche ora: il tutto dopo aver timbrato il cartellino. Cinque dipendenti del Comune di Partanna (Trapani) sono stati scoperti dai carabinieri e ora devono rispondere di assenteismo e false attestazioni della propria presenza in servizio dal settembre 2018 all’aprile 2019. Nei loro confronti è stata emessa un’ordinanza cautelare di obbligo di presentazione alla Polizia giudiziaria.

Le indagini sono state condotte dai militari con l’ausilio di documenti, pedinamenti, immagini di sorveglianza e verifiche tramite gps, tracciando gli spostamenti dei cinque dipendenti. La pratica era ormai consolidata: cartellino regolarmente timbrato, ma poi i dipendenti si allontanavano dall’ufficio senza autorizzazione. In alcuni casi i “furbetti” rientravano negli uffici del Comune con tanto di buste della spesa e in un caso uno dei dipendenti avrebbe fatto registrare più di 17 ore di assenza ingiustificata in poche settimane.

Secondo i carabinieri, “hanno tratto in inganno l’amministrazione attestando falsamente la propria presenza in servizio mentre si allontanavano arbitrariamente e reiteratamente dal luogo di lavoro, in assenza di permesso o autorizzazione, al fine di dedicarsi ad attività personali del tutto estranee a quelle lavorative”. Sotto il coordinamento della procura di Sciacca, sono in corsi accertamenti per casi analoghi in tutta la valle del Belice.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI