armao sulla autonomia differenziata favorevoli ma si attui lo statuto in sicilia

Autonomia delle Regioni, Armao: “Favorevoli, ma si attui lo Statuto in Sicilia”

Oggi si è tornato a parlare di autonomia differenziata. Il ministro per gli affari regionale Erika Stefani ha convocato i rappresentanti di tutte le Regioni. La Sicilia era rappresentata dal vicepresidente del Governo, Gaetano Armao, che ha ribadito come la Sicilia non sia “contraria a priori al regionalismo differenziato, ma occorre che questo cammini di pari passo con l’attuazione piena delle previsioni finanziarie dello Statuto e con l’estensione delle competenze regionali”.

“La Regione – ha ricordato Armao – ha in corso un negoziato con il Mef per il riconoscimento dell’autonomia finanziaria riconosciuta dallo Statuto. Riteniamo ci debba essere una coerenza tra le Regioni che auspicano legittimamente una maggiore autonomia e quelle, come la Sicilia, che richiedono l’attuazione dello Statuto. Conseguentemente, le valutazioni che verranno fatte in Parlamento sul rafforzamento dell’autonomia per le regioni ordinarie debbono valere anche per quelle a Statuto speciale, secondo quanto previsto dalla cosiddetta clausola di maggior favore. Il regionalismo differenziato che propongono Veneto, Lombardia e Emilia Romagna se vuole favorire il federalismo e l’autogoverno, senza pregiudicare il Sud, potrà rappresentare un’occasione di sviluppo per il Paese”.

Secondo il ministro Stefani, “è stato fatto un passo avanti ma il dibattito deve entrare nella sua sede naturale. Stiamo attendendo che il Parlamento decida l’iter da affrontare per il dibattito parlamentare al quale sono totalmente aperta. Il dibattito parlamentare per me è fondamentale sia prima della firma dell’intesa che nella fase successiva. L’operazione deve essere il più possibile condivisa”.

Categorie
Uncategorized
Facebook

CORRELATI