Bandiere a mezz’asta a Palermo per la bimba morta, Orlando: “Tragedia che ci interroga”

“Sono sotto shock, come credo sia sotto shock tutta la città”. Inizia così la dichiarazione del sindaco di Palermo Leoluca Orlando, che, dopo la tragedia occorsa alla bimba di 10 anni per la quale è stata dichiarata la morte cerebrale, ha disposto le bandiere a mezz’asta negli uffici comunali in segno di lutto e chiesto a tutti i dirigenti scolastici di far osservare un minuto di silenzio: “Il mondo della scuola partecipi a questo momento di dolore”.

Orlando afferma: “Una tragedia che ci interroga. Ci interroga sulle relazioni fra i giovani mediate dagli smartphone, sul ruolo sociale che alle nuove tecnologie stiamo sempre più delegando, sul rapporto fragile ma potente che sempre più giovani e adulti costruiscono e forse subiscono con i propri device digitali. Credo non sia più rinviabile una riflessione su questi temi da parte di tutti noi, ancor di più nel momento in cui la pandemia ci ha sempre più spinto verso la comunicazione digitale, facendone apprezzare le indiscusse potenzialità e positività”.

“Ai genitori, a tutti i familiari e amici di questa bambina un affettuoso e sentito abbraccio da parte della città, ancor più sentito ed emozionato nell’apprendere della decisione di acconsentire alla donazione degli organi. Un grande gesto di amore e di sensibilità”.

TIKTOK: “CI UNIAMO AL CORDOGLIO, A DISPOSIZIONE DELLE AUTORITÀ”

MUSUMECI: “NON ESCLUDO IL LOCKDOWN A FINE GENNAIO”

LAGALLA: “I RAGAZZI DEVONO TORNARE NELLE SCUOLE” / VIDEO

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 21 GENNAIO 2021

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI