Barbagallo (Pd): “Musumeci chieda scusa. Il voto segreto l’ha utilizzato anche lui”

Il deputato regionale del Pd, Anthony Barbagallo, attacca Musumeci per le frasi dette in aula, durante il dibattito sulla Finanziaria, rivolto all’onorevole Sammartino. (LEGGI QUI I DETTAGLI DELLA NOTIZIA).

“Anziché chiedere scusa al parlamento ed ai siciliani, per le gravi parole usate durante la seduta d’Aula contro un parlamentare, il presidente della regione rilancia additando come ‘giochino di palazzo’ uno strumento parlamentare qual è il voto segreto che lui stesso ha più volte usato fruttuosamente quando era all’opposizione. Non ci saremmo mai aspettati un aggressione come quella che il presidente Musumeci ha rivolto ad un componente dell’Assemblea regionale siciliana, che come tale rappresenta l’intera Regione. Aggredire un parlamentare solo perché professa una idea politica diversa o per l esercizio di una sua legittima prerogativa evoca scenari lontani nel tempo. Musumeci chieda scusa. Farebbe la cosa più giusta da quando riveste la carica di presidente”.

Nello Di Pasquale, deputato regionale Pd: “Siamo stati molto rispettosi nei confronti del Parlamento, potevamo bloccare questa aula ma non lo abbiamo fatto nonostante il presidente della Regione ci abbia insultato e se ne sia andato. Il giustizialista con noi Musumeci non lo può fare, noi siamo quelli che hanno rinunciato a fare i giustizialisti quando Musumeci si è ritrovato un governo di cui potremmo dire tante cose”.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI