Barbagallo (Pd). “Sicilia in ritardo sui tamponi. Pochi laboratori accreditati”

Anthony Barbagallo, parlamentare regionale del Pd e candidato segretario regionale del Partito, chiede chiarimenti sulle procedure seguite dal sistema sanitario regionale.

“Sono molto preoccupato del ritardo con cui vengono esitate le richieste di tampone nel territorio della regione siciliana dove centinaia di cittadini, pur in presenza dei sintomi, attendono da settimane. Ad aggravare ulteriormente il ritardo è la singolare circostanza che sono pochissimi i laboratori accreditati per l‘analisi dei tamponi. Sarebbe paradossale scoprire che il numero contenuto di casi positivi di Covid19 in Sicilia sia la conseguenza dell’enorme ritardo nell’effettuazione dei tamponi piuttosto che della effettiva diffusione dell’epidemia”.

“È necessario affrontare questo momento con grande attenzione e determinazione – continua Barbagallo – e per questo ci aspettiamo dal governo regionale misure indifferibili come l’implementazione del personale nei servizi di epidemiologia e laboratori “satelliti” per velocizzare l’esame dei campioni prelevati. Intanto abbiamo presentato un’interrogazione urgente sulla ombrosa vicenda del 3 marzo al Cannizzaro: vorremmo sapere le ragioni per cui è stato consentito ad un cittadino di recarsi direttamente al reparto ed in quella sede effettuare il tampone. Sarebbe opportuno chiarire se è stato un errore o, se è accaduto altre volte, quanti tamponi sono stati effettuati nel reparto senza rispettare le prescrizioni del Ministero. Non vorremmo, infatti, che qualcuno abbia pensato di attivare una corsia preferenziale rispetto ai protocolli governativi”.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI