Bilancio di previsione, il PD attacca: “Così il governo Musumeci aggrava il disavanzo”

“Il governo Musumeci lascia la Regione siciliana in braghe di tela”. In aula all’Ars è tempo di dibattito sull’assestamento del bilancio di previsione e il PD critica duramente l’impostazione e i contenuti del testo predisposto dalla Regione.

Il capogruppo dem Giuseppe Lupo lancia l’allarme, sottolineando come nel documento si rischia “nuovo disavanzo per gli anni 2018 e 2019 per oltre un miliardo e cento milioni”. La Regione (sostiene) “lascerà in eredità al prossimo governo l’obbligo di ripianare oltre due miliardi di disavanzo per il triennio 2023-2025. In queste condizioni sarà a rischio persino l’approvazione della prossima manovra economica”. “La disastrosa gestione dei conti pubblici da parte del governo Musumeci sarà una zavorra per la ripresa economica della nostra regione – ha aggiunto – che peserà sulle future generazioni”.

E il deputato Cracolici alza ancor di più i toni: “Altro che ‘assestamento tecnico’, qui siamo di fronte ad un bilancio ‘tecnicamente falso’: con l’assestamento si certifica la disastrosa gestione dei conti pubblici del governo Musumeci. Oltre alla crescita del disavanzo della Regione rispetto al 2018, emerge infatti che il peggioramento che la giunta aveva previsto in 105 milioni è stato dichiarato ‘fasullo’ dalla Corte del conti regionale la quale nel dare giudizio di parifica ha evidenziato che il maggior disavanzo da calcolare nel bilancio del 2019 è pari non è di 105 ma di 170 milioni. A questi si aggiungono circa nove milioni di euro evidenziati dalla Corte dei conti nazionale, anch’essi di maggiore disavanzo e che oltretutto, in violazione delle norme, non vengono neppure coperti nell’assestamento”. “Dunque – ha proseguito Cracolici – circa 180 milioni in più rispetto al previsto, che fanno aggravare il già drammatico totale del disavanzo del bilancio regionale arivando a circa sette miliardi e mezzo di euro. E di fronte a tutto questo l’assessore all’Economia invece di prendere atto del proprio fallimento, continua a cimentarsi nel suo sport preferito: arrampicatore di specchi”.

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 10 NOVEMBRE 2021

IL BOLLETTINO NAZIONALE DEL 10 NOVEMBRE 2021

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI