carceri,

Bonura, Sansone e Porpora ai domiciliari per motivi di salute: infuria la polemica politica

Fa discutere il trasferimento agli arresti domiciliari di alcuni detenuti (tra loro i mafiosi Francesco Bonura, Santo Porpora e Giuseppe Sansone), che hanno ottenuto la concessione della misura per motivi di salute. Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede annunciando verifiche definisce  però un “inaccettabile sciacallaggio” accostare tali misure alle recenti normative anti-Coronavirus: “Sostenere che alcuni esponenti mafiosi sono stati scarcerati per il decreto legge ‘Cura Italia’ non solo è falso, è pericoloso e irresponsabile. Si tratta infatti di decisioni assunte dai giudici nella loro piena autonomia che in alcun modo possono essere attribuite all’esecutivo. L’unica cosa che può fare il Governo (e che, ovviamente, sta già facendo) è attivare, nel rispetto dell’autonomia della magistratura, tutte le verifiche e gli accertamenti del caso, considerato anche il regime di isolamento previsto dal 41 bis”.

Sul tema è intervenuto anche il legale dello stesso Bonura, Giovanni Di Benedetto, che afferma come per motivi di salute gravissimi e non per le nuove norme sull’emergenza Coronavirus nelle carceri il magistrato di sorveglianza abbia concesso i domiciliari. A fronte di una condanna pari a 18 anni e 8 mesi a Bonura restano da scontare, considerati i maturandi giorni di liberazione anticipata, meno di 9 mesi di carcere. Nel contesto della lunga carcerazione il Bonura ha subito un cancro al colon, è stato operato in urgenza e sottoposto a cicli di chemioterapia; di recente i marker tumorali avevano registrato una allarmante impennata. Se a tutto ciò si aggiunge, come si deve, l’età (Bonura ha 78 anni) ed i rischi a cui lo stesso, vieppiù a Milano, era esposto per il Coronavirus risulta palese la sussistenza di tutti i presupposti per la concessione de differimento della pena nelle forme della detenzione domiciliare in ossequio ai noti principi, di sponda anche comunitaria, sull’umanità che deve sottostare ad ogni trattamento carcerario”.

Sul tema è però intervenuto anche il sindaco di Palermo Leoluca Orlando: “Al di là del comprensibile smarrimento che la notizia ha creato nei familiari delle vittime di mafia, non si può non sottolineare che il trasferimento ai domiciliari per ieri per il Boss Francesco Bonura e oggi per Giuseppe Sansone appare una palese contraddizione dei motivi stessi per cui sarebbe stato disposto. Nel momento in cui da mesi si sostiene che l’isolamento e la quarantena sono le forme migliori di prevenzione e tutela della salute, credo che proprio il regime di 41-bis sia paradossalmente la migliore forma di tutela della salute per i detenuti, per gli operatori carcerari e per i familiari dei detenuti. Esporre il boss ai rischi di contagio che derivano dal farlo andare in un ambiente non protetto credo sia un atto cui mi auguro che il Tribunale ponga immediatamente rimedio.”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI