Bonus ai lavoratori Seus, i sindacati: “Basta annunci, garanzie o andremo in piazza”

“Basta annunci”. I sindacati alzano la voce in merito alla questione del bonus da riconoscere ai lavoratori Seus impegnati nella lotta alla pandemia: l’assessorato ha dato rassicurazioni sull’erogazione in due tranche (una a giugno, l’altra a luglio), ma le sigle sindacali tengono alta l’attenzione e non escludono nuove manifestazioni di piazza se alle parole non seguiranno i fatti.

Fp Cgil e Cisl Fp (rappresentate da Gaetano Agliozzo e Paolo Montera) sottolineano: “O avremo garanzie di pagamento in tempi certi o siamo pronti a portare in piazza la protesta di questi lavoratori per far sentire all’azienda e al governo regionale che la pazienza è finita. Le scadenze annunciate vengono sempre e inesorabilmente spostate in avanti. Ma non è più tempo di procrastinare, in particolare sul bonus Covid, dopo questa terribile terza ondata di contagi. Non ci accontenteremo più di annunci e promesse”. E la Uil Fpl Sicilia (guidata da Enzo Tango) aggiunge: “Ci sono allarmi che paventano una gestione inadeguata e superficiale, non possiamo giocare sul dramma Covid”.

Dello stesso avviso anche Giuseppe Badagliacca e Claudio Dolce del Csa-Cisal: “I lavoratori della Seus 118, da oltre un anno in prima linea nel fronteggiare l’emergenza Covid-19, sono ormai stanchi: i bonus promessi non sono mai arrivati e finora si sono susseguiti solo annunci rimasti lettera morta. Non si può lodare chi in piena pandemia ha sempre garantito i servizi essenziali e poi non riconoscergli un’adeguata gratificazione. Grazie alle nostre manifestazioni in piazza, il Governo regionale ieri ha assicurato lo sblocco delle risorse ma sia chiaro che non accetteremo ulteriori prese in giro: se ancora una volta gli impegni non saranno rispettati, i lavoratori torneranno a far sentire la propria voce”.

FOTO DI REPERTORIO

APPELLO DI IMPRESE E AZIENDE: “FATECI VACCINARE I NOSTRI DIPDENDENTI”

OMICIDIO PIO LA TORRE, CERIMONIA A PALERMO NEL 39ESIMO ANNIVERSARIO

COVID A PALERMO, IL CTO DIVENTERÀ UN COMPLESSO INFETTIVOLOGICO 

FIGLIUOLO: “VICINI A 500MILA VACCINI AL GIORNO”

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI