Bonus Sicilia, “correzione” al bando da 125 milioni: ammesse altre categorie

L’assessorato regionale alle attività produttive ha corretto il bando “Bonus Sicilia” con il quale verrà assegnato un contributo massimo di 35 mila euro a fondo perduto alle microimprese danneggiate dal lockdown. Grazie ai fondi europei sono previste risorse fino a 125 milioni di euro. Il giorno del click day è il 5 ottobre ed è probabile che i fondi non siano sufficienti per soddisfare tutte le richieste.

CATEGORIE AMMESSE: Al bando saranno ammesse quindi anche le categorie appartenenti al commercio all’ingrosso e al dettaglio di motocicli e ciclomotori (codice 45.40.11), intermediari del commercio di motocicli e ciclomotori (codice 45.40.12), commercio all’ingrosso e al dettaglio di parti e accessori per motocicli e ciclomotori (codice 45.40.21) e intermediari del commercio di parti ed accessori di motocicli e ciclomotori (codice 45.40.22).

Altra novità introdotta è la possibilità di poter accedere al contributo minimo da 6 mila euro anche per le “imprese costituite e avviate prima dell’1 gennaio 2019 e che nell’anno di imposta 2018 si trovavano in regime fiscale forfettario» o anche in regime «dei minimi»”.

Requisito per accedere ai finanziamenti è che l’azienda abbia non più di 10 dipendenti e un fatturato non superiore ai 2 milioni l’anno. Grandi esclusi dal bando sono quindi gli enti di formazione autofinanziati che erogano corsi di qualifica professionale.

Restano le polemiche per la difficoltà ad accedere alla piattaforma digitale che gestirà il click day. Primo passo è quello di riuscire ad iscriversi al portale appositamente creato, ma in molti già segnalano di non essere riusciti a registrarsi.

CORONAVIRUS, IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 22 SETTEMBRE

INCIDENTE MORTALE NEL PALERMITANO

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI