Bonus Sicilia, le organizzazioni datoriali chiedono il confronto: “Scelte vanno condivise”

“Errare è umano, perseverare è diabolico”. Così Cna, Confartigianato, Casartigiani e Claai si rivolgono al governo regionale dopo il flop (e successiva cancellazione) del “click day” per l’assegnazione dei 125 milioni previsti dal Bonus Sicilia – tra i punti all’ordine del giorno della riunione di Giunta di questo pomeriggio -. Le organizzazioni datoriali invocano ora il confronto e la condivisione delle scelte per l’annunciata distribuzione dei fondi alle imprese richiedenti: “Le scelte si concordano e si condividono in modo da evitare devastanti corti circuiti che finiscono per penalizzare ulteriormente il già fragile e debole tessuto produttivo”.

“Al di là dell’aspetto tecnico della piattaforma, cui viene attribuita la causa del fallimento dell’invio – affermano Nello Battiato, Giuseppe Pezzati, Maurizio Pucceri e Orazio Platania – c’è, a nostro avviso, un grave peccato originale dietro questo imbarazzante colpo a vuoto. Ed è quello che ha ispirato l’assessore Turano ad affidare la possibilità di erogare l’aiuto economico alla velocita con cui si clicca. Tutto questo mortifica la dignità degli operatori economici che meritano sostegno e rispetto, oltre a certificare come le Istituzioni siano oggi sconnesse dal territorio, dal momento che operano senza avvertire il bisogno di un confronto con le Organizzazioni di categoria”.

“Restiamo basiti e senza parole – aggiungono – anche perché, in sede di approvazione della Legge di Bilancio, è stato su nostro preciso input che si è arrivati a prevedere uno stanziamento di risorse per garantire il fondo perduto alle imprese, colpite dagli effetti devastanti della pandemia. Poi, improvvisamente, è calato di fatto il sipario nella interlocuzione, nonostante le sollecitazioni e gli interventi. I criteri e le modalità di accesso al Bonus Sicilia’ ce li hanno serviti senza il nostro coinvolgimento, senza che potessimo offrire il nostro contributo”.

Le organizzazioni sottolineano: “Invochiamo un serio cambio di rotta nel segno del confronto e della condivisione per individuare i correttivi necessari affinché questo benedetto fondo perduto venga assegnato in tempi rapidi ma senza dover riporre la speranza alla dea bendata. Ecco perché noi – concludono Cna, Casartigiani, Confartigianato e Claai – chiediamo un tavolo di lavoro urgente per individuare assieme le soluzioni e le modalità di accesso al contributo che tengano conto delle richieste già pervenute ma anche di oggettivi parametri”.

MUSUMECI: “FINITO L’EFFETTO PAURA. ORDINANZE INUTILI SE NON SI FANNO RISPETTARE”

CORONAVIRUS IN SICILIA, I DATI DELL’8 OTTOBRE

PALERMO, “FINTI MORTI” PER TRUFFARE LE ASSICURAZIONI

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI