Bozza nuovo decreto riaperture, confermate le “zone gialle”. Dubbi sulla scuola

Il governo nazionale lavora al nuovo decreto per le riaperture da giorno 26 aprile e nella bozza, che dovrebbe approdare in Consiglio dei Ministri nella giornata di mercoledì 21 aprile viene confermato l’orario del coprifuoco (dalle 22 alle 5), il ritorno delle “zone gialle” e la possibilità di pranzare e cenare al tavolo (ma solo all’aperto) nei ristoranti. Ci sono dei dubbi, invece, sul tema delle scuole.

Secondo quanto prevede la bozza, le scuole superiori potranno adottare “forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica” affinché sia garantita, in zona rossa, la presenza “ad almeno il 50% e fino a un massimo del 75%, della popolazione studentesca”, mentre in zona gialla e arancione la didattica in presenza deve essere garantita “ad almeno il 60% e fino al 100% della popolazione studentesca”.

Le disposizioni, prosegue il testo, “non possono essere derogate da provvedimenti dei presidenti delle Regioni” fatto salvo casi di “eccezionale e straordinaria gravità” dovuti al Covid. Le Regioni Calabria, Puglia e Campania, attraverso i propri rappresentanti, hanno espresso dubbi sul limite minimo di presenza degli alunni a scuola del 60%.

Inoltre, arriva la “certificazione verde” per gli spostamenti tra Regioni di colore diverso. Il certificato potrà essere cartaceo o digitale e varrà sei mesi per i vaccinati e per chi sia guarito dal Covid: per chi abbia concluso un intero ciclo di vaccinazione sarà rilasciato dalla struttura sanitaria che effettua la somministrazione; per chi sia guarito viene rilasciato dall’ospedale, medico di base o pediatra.

Sul fronte riaperture, il calendario previsto dalla bozza dice che il 15 maggio scatterebbe il via libera per le piscine all’aperto, i mercati e i centri commerciali (anche nei giorni festivi); dall’1 giugno le palestre e le attività di ristorazione al chiuso (ma solo a pranzo); dall’1 luglio fiere, convegni e congressi, centri termali e parchi tematici.

NUOVI CONTAGI, PALERMO SOTTO SOGLIA “ZONA ROSSA”

“FUGA” DA ASTRAZENECA: VACCINI, GRAVI RITARDI 

ORLANDO: “ITALIA VIVA HA GETTATO LA MASCHERA”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI