Viale Regione a Palermo, Prestigiacomo: “Grave che Musumeci menta ai cittadini”

“Un politico come Musumeci non può presentarsi a fare un sopralluogo senza avere le dovute informazioni dai suoi uffici”. Sono le parole di Maria Prestigiacomo, ex Assessora ai lavori pubblici del Comune di Palermo, riguardo la visita di oggi del Governatore della Sicilia in viale Regione a Palermo.

“Noi abbiamo il dovere di chiederci se fosse non informato o se abbia ancora una volta tentato di scaricare le colpe della Regione sul Comune. Chiunque sia in buona fede, sa bene che dal 2016 i Canali di Maltempo e i fiumi anche quelli sotterranei sono di competenza della Regione. In particolare devono essere manutenuti dall’Autorità di Bacino, un Ufficio alle dirette dipendenze del Presidente della Regione. Lo stesso Presidente, che oggi afferma incredibilmente di non avere alcuna competenza, dopo mesi di ritardi ha quindi delegato il Commissario Croce alla progettazione per la messa in sicurezza del Canale Passo di Rigano, dimostrando quindi che la competenza è sua”.

“Il Comune, pur di accelerare il tutto si è assunto la direzione dei lavori e si è fatto carico di trovare le somme necessarie al ripristino del canale, interloquendo con il Governo nazionale che, grazie ad un emendamento in finanziaria presentato dal deputato Varrica, ha potuto stanziare le somme necessarie”.

“Solo a quel punto, il Commissario Croce ha proceduto alla Gara. Quelle di oggi da parte di Musumeci appaiono quindi purtroppo solo come delle bugie. Su una cosa però ha ragione: è una vergogna! E’ una vergogna che la Regione non si faccia carico dei propri interventi, che il Presidente parli senza cognizione di causa e soprattutto che cerchi di scaricare sempre le proprie responsabilità su qualsiasi tema sulle spalle dei Comuni”, conclude.

BLITZ ANTIMAFIA A PALERMO, DI DIO (CONFCOMMERCIO): “UN’ALTRA VITTORIA DELLA LEGALITÀ”

MUORE UN BIMBO PALERMITANO DI 6 ANNI A SHARM EL-SHEIKH: IN GRAVI CONDIZIONI IL PADRE

PALERMO, FERITI QUATTRO AGENTI AL CARCERE PAGLIARELLI: “BASTA. NON SIAMO CARNE DA MACELLO”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI