Carabiniere morto in incidente stradale, espiantati organi. Il cuore a un palermitano 

Un carabiniere di 41 anni morto per le ferite riportate in un incidente stradale, avvenuto il 4 agosto scorso nei pressi di Vaglio di Basilicata (Potenza), ha fatto l’ultimo gesto di generosità donando alcuni suoi organi che vivranno nei corpi di altrettante persone che erano in lista di attesa per un trapianto.

Sono stati espiantati, nell’ospedale “San Carlo” di Potenza, durante la notte di ferragosto, cuore, fegato e reni. Nell’ospedale del capoluogo lucano sono giunte le equipe mediche dell’Ismett di Palermo, del policlinico romano di Tor Vergata e da Bergamo.

Il cuore del carabiniere era destinato ad un giovane di 29 anni, in cura a Palermo; reni e fegato a due pazienti adulti e a un bambino di otto mesi, a Roma e a Bergamo.

Il direttore generale dell’azienda ospedaliera “San Carlo” di Potenza, Massimo Barresi, ha sottolineato l’impegno del personale dell’ospedale potentino “nella difficile e delicata operazione di espianto degli organi: è stato un impegno corale perchè la complessa macchina della solidarietà potesse andare a buon fine”.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI