Carcere di Siracusa, infermiera aggredita da un detenuto: voleva portarla in un ascensore

“Plurime aggressioni causate da un detenuto extracomunitario con seri problemi psichiatrici”. Questa la denuncia di Mimmo Nicotra, presidente del Consipe, sindacato della polizia penitenziaria sull’ennesima violenza consumata nelle carceri.

Protagonista un uomo che, mentre rientrava nella sua cella al carcere di Siracusa, ha aggredito un’infermiera e ha cercato di portarla all’interno dell’ascensore più vicino. “Solo la prontezza di riflessi dell’infermiera ha permesso l’arrivo della polizia penitenziaria”, dice Nicotra.

Per fermare il detenuto sono serviti due ispettori e alcuni agenti che hanno subito lesioni considerate guaribili in 10 giorni. “Serve rivedere l’attuale assetto delle carceri perché non è possibile che in detenuti hanno un così ampio margine di libertà è movimento”, conclude.

SICILIA, SALVATORE SAMMARTANO È IL NUOVO CAPO GABINETTO SELEZIONATO DA SCHIFANI

TENTATA ESTORSIONE A DEGLI IMPRENDITORI, TRE PERSONE ARRESTATE NELL’AGRIGENTINO

MICCICHÉ: “MELONI STA GIOCANDO A DIVIDERE FORZA ITALIA. BERLUSCONI MALTRATTATO…”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI