Carmelo Provenzano nega in aula: “Mai scritto la tesi di laurea al figlio della Saguto”

E’ ripreso oggi a Caltanissetta il processo al cosiddetto “sistema Saguto” e la udienza di oggi è stata ampiamente occupata dalle dichiarazioni spontanee di Carmelo Provenzano, docente dell’università Kore di Enna che ha negato l’accusa di avere scritto la tesi di laurea del figlio si Silvana Saguto, ex presidente della sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo.

“Nella mia professione di docente ho seguito figli di magistrati – ha aggiunto , esponenti di forze dell’ordine, deputati, ma anche figli di operai o persone provenienti da famiglie di umili origini e non ho mai fatto alcuna differenza. Non ho mai abusato del mio ruolo di pubblico ufficiale. Nell’unica occasione in cui ho esaminato il giovane Emanuele Caramma (il figlio della Saguto, ndr), nella qualità di commissario, non l’ho selezionato tra i vincitori. Alla mia mamma, ormai in cielo, affido l’esito di questo processo”.

“Ho svolto il mio ruolo di coadiutore giudiziario per un anno e mezzo prima dal dottor Roberto Nicola Santangelo e successivamente in quella coordinata dal dottor Giuseppe Rizzo, ma non ho mai accettato di fare l’amministrazione giudiziario né preso incarichi in amministrazioni giudiziarie, nonostante la stima dei magistrati e le ripetute insistenze. La presidente mi disse del suo disappunto per la nomina di Rizzo, alla fine diedi la mia disponibilità ma nel ruolo di coadiutore. Dopo la nomina mi sono trovato a parlare con lei dei compensi del dottor Rizzo. Né in quella occasione né in altre mi sono proposto o ho accettato di sostituirlo, rimanendo coadiutore”.

Sotto accusa, oltre a Silvana Saguto, ci sono anche il padre di lei, Vittorio, il marito Lorenzo Caramma e il figlio Emanuele, gli amministratori giudiziari Gaetano Cappellano Seminara, Walter Virga, Aulo Gigante e Nicola Santangelo. Gli imputati sono accusati di aver gestito in maniera “allegra” i beni confiscati alla mafia. La prossima udienza è fissata per il 14 gennaio.

 

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI