“Caso” Gamma Camera al Civico di Palermo: 4 ex dirigenti assolti dalla Corte dei Conti

La Corte dei Conti ha assolto 4 dirigenti ex vertici dell’azienda ospedaliera Arnas Civico di Palermo dall’accusa di danno erariale per complessivi 352 mila euro per lo spostamento nel 2015 di una Gamma Camera dal reparto di Medicina nucleare presso il nuovo polo oncologico e poi rimasta inutilizzata a seguito dello stop ai lavori, a causa del fallimento dell’impresa incaricata della loro esecuzione.

I dirigenti assolti sono: Giovanni Migliore, ex direttore generale e commissario del Civico tra il 2014 e il 2018; Rosalia Murè, ex direttore sanitario tra il 2014 ed il 2019; Vincenzo Barone, ex direttore amministrativo; Giuseppe Bono, direttore dell’unità operativa gestione tecnica. Nello specifico a Migliore la Procura contestava un danno di 193 mila euro, a Murè e Bono circa 70 mila euro, a Barone 17 mila.

I giudici contabili hanno accolto però la tesi difensiva: già in fase di pre-udienza, i vertici avevano sostenuto che il fallimento dell’impresa incaricata dell’esecuzione dei lavori costituiva un evento “imprevisto ed imprevedibile” (riferiscono gli avvocati difensori Girolamo Rubino e Massimiliano Valenza) e che dunque non sarebbero da attribuire responsabilità. La vicenda è comunque arrivata in giudizio ma ha portato all’assoluzione dei 4 dirigenti.

COVID IN SICILIA, NELLE SCUOLE SITUAZIONE SOTTO CONTROLLO: LO 0,15% DEGLI ALUNNI È POSITIVO

GESTIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE, LA REGIONE VINCE UN CONTENZIOSO DA 28 MILIONI

MIGRANTI, FERMATI A CATANIA DUE PRESUNTI SCAFISTI: CHIEDEVANO 10 MILA EURO A PERSONA

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI