Caso “Spartacus”, la Corte dei Conti ribalta il primo grado: assolti Crocetta e assessori

L’ex presidente della Regione Rosario Crocetta, l’ex assessore al Lavoro Esterina Bonafede e la dirigente Anna Rosa Corsello sono stati assolti in appello per la vicenda sul corso di formazione “Spartacus”. I giudici della Corte dei Conti (presieduta da Giuseppe Aloisio, relatore Giuseppe Colavecchio e i consiglieri Valter Del Rosario, Salvatore Chiazzese, Guido Petrigni) hanno ribaltato la decisione dei giudici di primo grado.

É stata confermata inoltre l’assoluzione in primo grado per gli ex assessori e dirigenti Antonino Bartolotta, Luca Bianchi, Lucia Borsellino, Dario Cartabellotta, Maria Lo Bello, Nicolò Marino, Egidio Ortisi, Luciana Rallo, Nelli Scilabra, Michela Stancheris, Patrizia Valenti e Linda Vancheri.

La vicenda (iniziata nel 2014 con un’inchiesta della Finanza su esposto di alcuni ex sportellisti) ruota intorno al progetto di formazione Spartacus, affidato al Ciapi di Priolo. A citare in giudizio l’ex presidente della Regione, gli ex assessori e i dirigenti era stata la procura contabile, che li accusava di aver dissipato 35 milioni di euro di fondi europei e statali – usandoli per 9 mila cassintegrati – che avrebbero dovuto essere impiegati per retribuire l’attività di formazione e di politiche attive del lavoro espletata, per 8 mesi, da circa 1.800 ex sportellisti.

“Il finanziamento al Ciapi – dicono i giudici di appello nella sentenza – per la realizzazione del progetto Spartacus non è avvenuto con l’utilizzo di fondi regionale, come risulta dagli atti versati nel fascicolo processuale e da quanto sopra esposto con la conseguenza che nessun onore economici e venuto a gravare sull’ente territoriale. In altri termini le assunzioni delle unità di personale a tempo determinato in stretta correlazione l’attuazione del progetto Spartacus non hanno inciso sul bilancio regionale e pertanto si ritiene che non vi siamo valide ragioni per ritenerle illegittime in contrasto con la legge regionale”.

MUSUMECI: “NON ESCLUDO IL LOCKDOWN A FINE GENNAIO”

VACCINO ANTI-COVID, IN SICILIA STOP ALLA “FASE 2”

PALERMO, BIMBA DI 10 ANNI IN RIANIMAZIONE: COLPA DI TIKTOK? 

SBLOCCATI 18 MILIONI PER LA DIFFERENZIATA

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI