Castelvetrano, incendio nel campo migranti: muore un bracciante agricolo

Un incendio è divampato la scorsa notte all’interno del campo di migranti stagionali dell’ex “Calcestruzzi Selinunte”, in via Selinunte, al confine tra Castelvetrano e Campobello di Mazara. Un giovane bracciante africano è morto carbonizzato.

Il rogo è divampato nella notte distruggendo tutti gli alloggi di fortuna (creati anche con cartone, eternit e legno) dei migranti, che in questo periodo sono impegnati nella raccolta delle olive nel territorio Trapanese. In molti sono riusciti a mettersi in salvo, uscendo in tempo prima che le fiamme avvolgessero l’intero campo. A fuoco anche due auto.

Sul posto quattro squadre Vigili del Fuoco che hanno spento le fiamme e stanno ancora bonificando la zona e i Carabinieri che stanno indagando sulle cause dell’incendio. L’ex Calcestruzzi Selinunte, di proprietà di Onofrio Cascio che dal 2010 lo ha dismesso, è da tempo abbandonata e da anni viene occupata dai migranti che raggiungono Campobello di Mazara per la raccolta delle olive.

INCIDENTE NEL TRAPANESE: UN MORTO E UN FERITO GRAVE

ARS, OK AL RENDICONTO 2019 MA I LAVORI SI BLOCCANO SUGLI ASU

SEUS E SAS SENZA VERTICI, MONTERA (CISL FP): “BASTA FARE POLITICA”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI