Catania, dalle pistole ai lanciagranate: scoperto arsenale del clan Nizza

I carabinieri di Catania hanno rinvenuto un arsenale di armi nel quartiere di San Cristoforo e arrestato due persone, un 46enne e un 36enne. Quest’ultimo ritenuto affiliato di spicco del gruppo mafioso dei “Nizza”,  già precedentemente sottrattosi all’esecuzione del provvedimento, è stato localizzato e bloccato.

La perquisizione dell’uomo ha consentito di rinvenire e sequestrare una pistola Beretta cal. 7,65 con matricola abrasa avente 12 cartucce nel serbatoio, circa 230 grammi di marijuana e la somma di circa 11.000 euro.

Le altre armi sono state trovate tra una zona isolata di un’area adibita a parcheggio di un centro commerciale e un’abitazione. Nel primo caso i militari hanno notato la presenza di alcuni sacchi che occultavano una pistola Benelli Army cal. 9 sprovvista di matricola, nonché circa 300 cartucce di vario calibro.

All’interno di un’abitazione di via Bianchi che sembrava abbandonata, invece, sono stati ritrovati due borsoni contenenti una pistola Benelli Army cal. 9 sprovvista di matricola, 2 fucili mitragliatori, 1 fucile lanciagranate con 6 proietti e 757 cartucce di vario calibro, oltre ad un passamontagna con un giubbotto antiproiettile e 9 ordigni esplosivi.

Alcuni giorni dopo, infine, nelle adiacenze di un edificio scolastico nel medesimo quartiere è stato rinvenuto un altro borsone anche questo contenente un ulteriore mitra AK 47 Kalashnikov, un fucile a pompa, una pistola a tamburo cal. 38 con matricola abrasa, 68 cartucce di vario calibro ed un puntatore laser e, anche in questo caso, 3 ordigni esplosivi di tipo artigianale. Gli arrestati sono stati successivamente condotti nelle carceri catanesi di Piazza Lanza e di Bicocca.

LAVORATORI COVID, ARRIVA LA CIRCOLARE DI RAZZA: PROROGA DEI CONTRATTI FINO AL 31 DICEMBRE

PONTE CORLEONE, GELARDA (LEGA): “ENNESIMO RITARDO. QUALCUNO DEVE PAGARE”

TRAFFICO DI COCAINA AGLI IMBARCADERI DI MESSINA, TRE PERSONE ARRESTATE

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI