Catania, droga e armi in casa: arrestati due fratellastri coinvolti in “affari” illeciti

La Polizia ha arrestato a Catania il pregiudicato R.G.S., 48 anni, e il fratellastro pluripregiudicato S.C.M., 34 anni, perché ritenuti responsabili di detenzione illegale di armi e relativo munizionamento, ricettazione e detenzione ai fini di spaccio.

Nell’abitazione dei due, infatti, durante l’operazione, era presente solo il più anziano dei due fratellastri, il quale, vistosi senza scampo, ha confessato subito che all’interno di un armadio era custodito materiale illecitamente detenuto. La perquisizione ha fatto sì che venissero trovati due fucili, di cui uno a canne mozze, una fedele riproduzione di una mitragliatrice risultata ad aria compressa, circa un migliaio di munizionicalibro 12 e 10 grammi di cocaina confezionati in sottovuoto.

Accanto alle armi e alla droga sono stati trovati anche il documento e il telefono cellulare del fratello più giovane, che nel contempo era ricercato dalle altre pattuglie per il quartiere San Cristoforo. Poco dopo, la ricerca dei “Falchi” si è estesa anche all’indirizzo di residenza anagrafico dei due soggetti e questo ha permesso il ritrovamento di un ulteriore fucile con canna e calcio modificati per aumentarne la potenzialità offensive e la maneggevolezza. Le prime due armi lunghe sono risultate provento di furto in abitazione, consumato la scorsa estate nel quartiere San Giorgio, invece sulla terza arma sono in corso accertamenti per accertarne la natura clandestina poiché non è stato possibile risalirne a prima vista alla matricola.

COVID IN SICILIA, ALTRI QUATTRO COMUNI IN ZONA ROSSA

COVID, LA SICILIA RESTA IN ZONA ARANCIONE

COVID, L’ITALIA RIPARTE DAL 26 APRILE

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI